Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Xhaka: “Perché non sono giallorosso? Chiedete a loro”

Le verità dello svizzero

Granit Xhaka è un ragazzo simpaticissimo. E disponibilissimo. La nostra curiosità, che lo fa scoppiare a ridere, riguarda la trattativa saltata con la Roma nell’estate del 2021. Sembrava tutto fatto tra il club giallorosso e l’Arsenal, era già scritto l’accordo con il general manager Tiago Pinto, ma all’ultimo momento qualcosa è andato storto. Perché Granit? “Dovresti chiederlo alla Roma”.

In realtà ci interessa sapere la sua versione. Avanti: “Te la racconto un’altra volta, quando non ci sente nessuno. Ma se chiedi a loro (i colleghi svizzeri, ndi) conoscono bene la storia“. La verità di Xhaka è questa. E non dipende dalla distanza delle parti nella negoziazione, che pure c’era.  Quella si sarebbe anche appianata, se il giocatore avesse voluto spingere per raggiungere l’obiettivo. Ma qualcosa è cambiato a metà del primo ritiro precampionato, quando Mikel Arteta gli ha parlato. In quel momento Xhaka aveva già la testa a Roma, aveva detto a Mourinho di essere entusiasta del trasferimento. Ma quando l’allenatore dell’Arsenal gli ha comunicato di essere intenzionato a costruire la squadra attorno a lui, ha accettato volentieri di restare a Londra e ha rinnovato il contratto. La Roma d’altra parte non ha più insistito, perché nel frattempo doveva sostituire Edin Dzeko diretto all’Inter. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa