Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho, a gennaio il mercato è fatto in casa

I giallorossi sfrutteranno le risorse interne finora inutilizzate o sottotono

Vietato aspettarsi sorprese. La Roma non farà follie, ma un mercato di basso profilo dovuto ai rigidi paletti del Fair play finanziario. E allora come farà Mourinho a raggiungere l’obiettivo Champions? Spremendo fino all’osso i giocatori che hanno avuto una resa ben al di sotto delle aspettative. Tutti, quindi, esclusi Dybala e Smalling. A partire dalla difesa dove Kumbulla non ha praticamente mai trovato spazio. Un suo impiego con maggiore continuità può garantire più giornate di riposo all’inglese. C’è poi il tema degli esterni: escludendo il caso Karsdorp, Spinazzola non è mai tornato all’altezza di un anno fa. Qualcosa in più dovrà darla anche Pellegrini, sotto accusa per non essere riuscito a guidare la squadra nei momenti più difficili.

Abraham, poi, è l’esempio di ciò che è andato storto nei primi tre mesi. Il suo xG (6,3) è il più alto non solo della rosa, ma anche di tutta la Serie A. In attacco c’è anche Belotti, che non ha mai inciso con decisione. Capitolo a parte Wijnaldum. Ha scelto di non operarsi dilatando i tempi di recupero e ora si sta allenando in Olanda. Mourinho ha intenzione di portarlo con sé in Portogallo. Il suo recupero procede a tappe e a febbraio dovrebbe tornare stabilmente in rosa. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa