Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Reynolds: “Voglio la Roma, ma decide Mourinho”

Smalling

Le parole del terzino statunitense

Trovare una seconda casa tra i boschi delle Fiandre se sei un ragazzo del Texas non è così automatico. Ma nella cittadina belga di Westerlo l’ex terzino della Roma Bryan Reynolds sta mettendo in mostra le sue qualità. Dopo i 7 milioni speso per lui due anni fa e un’avventura a Roma poco fortunata, Reynolds in Belgio si è preso la ribalta e una maglia da titolare. In questa prima parte di stagione ha stupito tutti con tredici presenze, un gol e tre assist.

A Trigoria osservato e aspettano che il mercato attorno a lui si accenda davvero, intanto Bryan si gode il momento: Sono davvero contento di questa prima parte di stagione, sto giocando e questo è importante per la mia crescita e per la mia carriera. C’è affiatamento nello spogliatoio e questo mi piace, Westerlo è veramente un bel posto dove stare“.

Ed è anche più facile giocare? 

La grande differenza con l’Italia è la maglia che indossi. Giocando per la Roma che è un grande club, c’è molta pressione. Giochi all’Olimpico, fai un errore e tutti ti fischiano. Può essere difficile restare concentrati. Poi c’è la barriera linguistica. Qui tutti parlano inglese, in Italia no. E quindi per integrarti devi imparare l’italiano in fretta.

Ma cosa non ha funzionato a Roma? 

Personalmente non direi che qualcosa è andato male. Quando sono arrivato avevo 19 anni e probabilmente non ero ancora pronto. Ho provato a mantenere il mio normale stile di vita, ma era tutto diverso e non sapevo la lingua. A Roma vivevo da solo e questo non ha aiutato. Avevo molta fiducia quando ero a Dallas, poi il salto in Serie A è stato grande ed è stato tutto diverso. Forse mi è mancata quella.

Che rapporto ha avuto con Mourinho? 

Normale, né cattivo ma neanche fantastico. Io sono un giocatore, lui l’allenatore. Avevo pieno rispetto di lui, anche se non mi dava minuti. Non sono un calciatore che fa casino se non gioca. In allenamento quando facevo qualcosa di buono mi motivava e se sbagliavo mi riprendeva. In generale credo si aspettare di più da me, credo volesse più killer instinct nei contrasti e nel mio gioco. Me lo ripeteva spesso, ma è stato bello lavorare sotto la sua guida.

Nella sua testa c’è ancora la maglia della Roma? 

Certo. Io voglio tornare alla Roma. Hanno investito molti soldi su di me e voglio ricambiare il favore al club che mi ha cambiato la vita. E spero che anche loro mi vedano come un giocatore della Roma in futuro.

Non a gennaio però, visto il suo status di extracomunitario. 

Ho visto quello che è successo con Rick, sì. Non so se sia ancora nel club, ma per adesso sono concentrato sul concludere bene questa stagione. So che dalla Roma mi guardano, sento grande attenzione attorno a me. Tutti mi incoraggiano a continuare così.

Con le sue prestazione però sta attirando le attenzioni di molti club.

So che il direttore e il mio agente si stanno parlando e che ci sono interessamenti da tre o quattro club. Ma adesso penso al presente e darò tutto per migliorare e acquisire maggior sicurezza nei miei mezzi.

Lo scrive Il Tempo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa