Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rui Patricio e Svilar, il futuro è incerto. Arriverà un italiano?

La Roma ha bisogno di certezze in porta per il futuro

Per ora il problema non c’è. O, almeno, non è così evidente come potrebbe essere invece tra qualche mese. Già, perché tra i tanti ruoli da sistemare per la Roma del futuro c’è anche quello del portiere. Rui Patricio sembra avviato verso la sua parabola discendente, lui che in Portogallo è una specie di totem. Svilar anche in Giappone ha dimostrato di non essere all’altezza.

Allora che cosa fare? C’è da guardarsi intorno, inevitabilmente, già da ora, per andare a caccia di un futuro numero uno. Il contratto di Rui è in scadenza nel 2024. A giugno bisognerà farci su un’importante riflessione, per capire se andare avanti ancora con lui o meno. Anche se poi, appunto, molto dipenderà da cosa deciderà di fare Mourinho, che di Rui è un grande estimatore.

Svilar, invece, ogni volta che ha giocato è stato una via di mezzo tra il deludente e il disastroso. Comprese le ultime partite in Giappone, dove contro lo Yokohama ha preso due gol quasi comici. Gli occhi di Pinto iniziano a guardarsi intorno. In Italia sono due le piste maggiormente seguite, quelle che portano a Vicario dell’Empoli e Carnesecchi della Cremonese. Due portieri giovani, che possono rappresentare anche il futuro. Su Vicario c’è da un po’ anche la Juventus, Carnesecchi è invece dell’Atalanta, a cui è legato fino al 2026. Entrambi costano una decina di milioni, forse 12. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa