Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Una Spina nel cuore della Roma: Mou aspetta e spera nella rinascita

Leo deve ritrovare la forma migliore

Da uomo in più a uomo in meno il passo talvolta è casuale, mai indolore. E in un percorso così delicato spesso non entrano in ballo neppure responsabilità personali. Tutto frutto, allora, del destino cinico e baro? Non proprio, ma potremmo esserci vicini. Prendete, ad esempio, il caso di Leonardo Spinazzola: lui ci ha messo anima e corpo per tornare a essere quello pre infortunio con l’Italia, luglio 2021, ma finora l’impresa non gli è riuscita.

Colpa sua? Non esattamente, se valutiamo l’impegno buttato in palestra o sul campo per cancellare il passato. Ma la realtà, oggi, non ammette discussioni. C’è una Spina nel cuore della Roma, non al fianco degli avversari. Doveva essere una stagione di spensierato rilancio, invece ci si deve affidare al 2023 per una collaudata rinascita. La Roma, che l’ha aspettato senza mai forzare la mano, continua a non fargli mancare la sua fiducia anche se nessuno, José Mourinho in testa, si aspettava che la strada fosse (ancora) così in salita.

Spina ha giocato spesso (16 presenze tra campionato e coppa) prima dell’ennesimo infortunio muscolare che l’ha tolto di scena a fine ottobre, ma di lui si ricordano più le cose brutte che quelle belle. E, forse propri o per recuperare migliore condizione, ecco il crac in allenamento prima della trasferta di Verona: lesione al retto femorale e arrivederci al 2023. C’è tempo per recuperare, ovvio, e non a caso Spinazzola sta tentando di anticiparlo allenandosi per conto proprio (al mare con Pellegrini e Mancini)in attesa del rientro a Trigoria. Segno che, se non altro, sta bene, che l’infortunio muscolare è alle spalle e che il futuro sembra in discesa. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa