Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

C’eravamo tanto amati. Così Zaniolo, l’erede di Totti, si ritrova i tifosi contro

Una storia che sembra avvicinarsi ad un fine poco lieto

“A questo punto separarsi è la scelta migliore per entrambi”. La ben nota formula delle storie ai titoli di coda che, non sapendo più cosa dirsi, recitano un commiato che vuole essere consolatorio ma è solo infinitamente triste. Ma la cosa ancora più triste è quando i due decidono o accettano di lasciarsi, se lo dicono, più o meno brutalmente, salvo poi accorgersi che non possono farlo. Hai fatto le valigie, ma non c’è un’altra casa dove andare. Questo è, a oggi, lo stato delle cose tra Zaniolo e la Roma. Molto concreta la possibilità che i due, a furia di dirsi addio, si ritrovino a dover convivere almeno fino a giugno, con tutti i veleni del caso.

Si parla da tre anni della cessione di Zaniolo, prima alla Juventus, ora al Tottenham (sempre Paratici di mezzo?) e altri club più o meno sottesi, dal Milan al West Ham o il Leicester. Il rinnovo di contratto. L’altra estenuante tiritera. Nel frattempo, non sono solo i crociati del ragazzo a saltare, ma i suoi nervi. Sembra il ritratto di un nevrastenico.  Lo fischiano anche i suoi (ex) adoratori. Non tanto perché gioca male, ma perché avvertono la cosa meno sopportabile per un tifoso, quando il malessere del giocatore non è il riflesso del suo rapporto con la squadra, con i compagni, con un risultato che non arriva, ma è riferito a se stesso.

Josè Mourinho lo ha atteso, lo ha protetto, non più di quanto fosse giusto farlo. Ora prende atto, lui e la società. Non possono fare altro. Talento indiscutibile e testa discutibile, ma il rischio ora è che a diventare discutibile sia anche il talento del dio biondo destinato a colmare il vuoto di Totti. Sembrava l’incarnazione del nuovo eroe fatto apposta per strappare i cuori dei romanisti dal torace e metterlo sulla graticola votiva. Sembrava, ma non era. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

38 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

38 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa