Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Petrachi: “Molti giocatori che hanno vinto la Conference li ho portati io a Roma”

Le parole dell’ex Direttore Sportivo giallorosso sulla squadra di cui è stato dirigente

Gianluca Petrachi ha parlato nuovamente della Roma. Intervistato dal portale inglese tribalfootball.com, l’ex Direttore Sportivo giallorosso è tornato sulla sua esperienza nella Capitale.

Le sue parole: “Quello che la Roma ha fatto lo scorso anno è positivo. Sono riusciti a portare un trofeo a Roma dopo tanti anni. La vittoria della Conference League, oltre al fatto che si trattava di una nuova competizione, è un passo importante e un buon livello di realizzazione. Vincere a qualsiasi livello e in qualsiasi competizione non è facile e per questo la vittoria della Conference League è stata importante per la Roma”.

“Quest’anno dovremo vedere se riusciranno a confermare lo stesso livello dell’anno scorso. Credo che la Roma, se si qualificherà per la Champions League, alla fine sarà considerato un buon risultato”, ha aggiunto l’ex dirigente giallorosso.

Petrachi, poi, si è soffermato anche su Smalling: “Posso dare opinioni su Smalling perché è stato un giocatore che ho portato a Roma e sono molto contento del ruolo che ha perché è molto importante fisicamente e professionalmente. Spero che la Roma non lo perda nel 2023. È molto difficile trovare giocatori del suo livello e lui è una sicurezza a livello professionale. Negli ultimi tempi non ha subito infortuni e sono molto contento che stia facendo molto bene. Portare Smalling non è stato facile, ma è stato veloce. Si è trasferito in prestito con diritto di riscatto. Il desiderio del giocatore è stato molto importante perché la volontà era quella di lasciare Manchester dopo aver capito le scarse possibilità di giocare lì”.

“Per quanto riguarda la famiglia Friedkin, vedremo cosa ci riserverà il futuro, ma va anche ricordato che con Pallotta hanno ottenuto buoni risultati in campionato e in Champions League. È troppo presto per dare un giudizio sui Friedkin”, ha concluso parlando della proprietà.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News