Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Se parte Zaniolo nel mirino di Mourinho Ziyech e Deulofeu

I due obiettivi per il post Zaniolo

Se Zaniolo andrà via, qualcuno dovrà arrivare“. José Mourinho subito dopo Spezia–Roma è stato chiaro. E allora, nonostante una situazione finanziaria che prevede la necessità di fare plusvalenze e abbassare il monte-ingaggi, se Zaniolo davvero saluterà tutti entro il 31 gennaio a Trigoria potrebbe anche arrivare un sostituto. Il nome in pole — ma sempre a livello di idee – in questo momento è quello di Hakim Ziyech, 29 anni, l’esterno marocchino del Chelsea che ha brillato anche all’ultimo Mondiale in Qatar. Ziyech nei Blues non gira più a dovere e non fa parte dei progetti futuri del club londinese.

Ha però un contratto fino al 2025 e guadagna circa 6 milioni di euro, tantissimi per la Roma attuale. Acquistandolo, però, la Roma potrebbe sfruttare gli effetti del Decreto crescita, riducendo di molto il costo dell’ingaggio al lordo. Un altro nome che piace è quello di Gerard Deulofeu, che però ha in mano una ricca offerta dell’Aston Villa, 4 milioni al giocatore e 20 all’Udinese, dove vorrebbe andare già in questa finestra di mercato (mentre i bianconeri friulani preferirebbe venderlo a giugno). Infine Lucas Moura, che è un nome che è stato fatto dal Tottenham, come eventuale contropartita nel caso in cui si sblocchi la situazione con gli Spurs. Nome su cui però la Roma nicchia, preferendo il cash e avendo bisogno più dei soldi che di un giocatore che ad agosto compirà 31 anni. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa