Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini, intoccabile per forza

Le scelte di Mou per l’Empoli

Nel momento più strambo possibile, dopo due sconfitte molto diverse tra loro, José Mourinho sembra orientato a ripartire dalle certezze: contro l’Empoli rivedremo una Roma molto simile a quella di Napoli. Per dieci undicesimi forse: la novità può essere El Shaarawy, uno dei giocatori più in forma, largo a sinistra al posto dell’infortunato Spinazzola. L’alternativa è la conferma Celik, che in Coppa Italia ha vissuto una serataccia, con Zalewski riportato a sinistra. Molto dipenderà dalle condizioni psicofisiche dei giocatori, che oggi faranno l’unico allenamento di preparazione alla partita del sabato. I titolari che hanno riposato contro la Cremonese per evitare infortuni, cioè Dybala, Smalling, Abraham e Matic, dovrebbero tornare tutti in formazione.

Di sicuro ci sarà Lorenzo Pellegrini, che mercoledì sera dopo essersi sottoposto ai controlli antidoping ha manifestato un certo disappunto per le indiscrezioni filtrate sulle sue condizioni fisiche. Pellegrini non ha un problema muscolare e in questo momento non ha nemmeno un fastidio alla coscia, colpita duro qualche settimana fa. Le sue difficoltà derivano dallo stato atletico, che è stato depotenziato dalla mancanza di allenamenti successivi al trauma. Mourinho è consapevole della situazione ma preferisce recuperare Pellegrini facendolo giocare, non vedendo in panchina opzioni altrettanto valide. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa