Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ora Zaniolo è il passato

Nicolò vola ad Istanbul

Fine della storia. Il matrimonio tra Zaniolo e la Roma si interrompe fragorosamente dopo quasi cinque anni. Ieri l’attaccante ex Primavera dell’Inter è partito da Milano con destinazione Istanbul, dove oggi completerà le visite mediche (dopo una prima parte svolta nella serata di ieri) e firmerà il contratto con il Galatasaray. Un affare nato alla fine della scorsa settimana, e che nelle ultime ore ha subito un’accelerazione importante, anche vista la chiusura odierna del mercato turco. Dopo aver chiesto la cessione alla Roma a metà gennaio, aver sperato nell’offerta giusta del Milan e aver rifiutato (con ripensamento finale) il Bournemouth, per Nicolò restava solo l’ipotesi della Turchia per evitare l’isolamento a Trigoria fino a fine stagione. Il club di Istanbul aveva provato a convincere la Roma con una proposta iniziale di prestito, ma dopo aver ricevuto il “no” di Pinto, e aver constatato un’apertura totale del calciatore, i turchi si sono convinti ad affondare il colpo con un acquisto a titolo definitivo, che potrebbe rappresentare il record nella loro storia come spesa per un cartellino.

Si stanno ancora limando gli ultimi dettagli sulle cifre, tra bonus e parte fissa, ma i giallorossi incasseranno poco più di 20 milioni di euro. Una somma che non potrà essere reinvestita nell’immediato, ma che rappresenta comunque un tesoretto importante per l’estate, oltre che una plusvalenza, con un giocatore che di fatto era fuori dal progetto tecnico. In giornata è previsto l’annuncio ufficiale, dopo che Zaniolo avrà messo la firma sul contratto che lo legherà al Galatasaray fino al 2027, con un ingaggio pari a 3,6 milioni di euro l’anno, e una clausola rescissoria fissata a 35 milioni. Quest’ultimo punto è stato oggetto del contendere tra Nicolò e il club turco: con una richiesta iniziale del calciatore sotto i 30 milioni, salvo poi ammorbidirsi e accettare la cifra imposta dalla dirigenza del Galatasaray. Chiara la sua speranza di poter tornare a giocare in campionati più stimolanti e competitivi, con l’Italia e il Milan sempre nella sua testa. Ma dovrà dimostrare da qui ai prossimi mesi di valere quella cifra, visto che dalla Serie A non sono mai pervenute offerte di quel calibro per aggiudicarsi le sue prestazioni.

Come ultimo saluto «social» prima di partire e raggiungere la Turchia, Nicolò ha scelto una foto con le gambe incrociate in attesa di salire sull’aereo. Un gesto che spesso, in estate (ma anche pochi giorni fa) Mourinho aveva pubblicato sui social per esternare la sua impazienza sul mercato. Il riferimento al suo ormai ex tecnico è apparso chiaro, nonostante il rapporto tra i due è sempre stato ottimo, con il portoghese che spesso lo ha difeso e gli ha dato un posto da titolare nella sua Roma. L’ultima provocazione di Zaniolo prima di dire addio ai colori giallorossi. Lo scrive Il Tempo.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa