Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, esterni a rotazione ed El Shaarawy spera

Sugli esterni rendimenti altalenanti ma anche tante opzioni per Mourinho e El Shaarawy potrebbe diventare titolare a sinistra

Nel reparto destro, Mourinho ha a disposizione due calciatori, Kristensen e Karsdorp, che presentano somiglianze nel modo di giocare e nel loro stile di gioco. Entrambi hanno caratteristiche simili, ma Kristensen sembra essere apparso un po’ smarrito e spaesato nelle ultime due partite contro Salernitana e Verona, quasi come se avesse perso la sua sicurezza in campo. Tuttavia, il problema sembrava essere stato risolto con l’arrivo di Kristensen all’inizio della stagione, ma il suo rendimento recente è stato deludente.

Nel ruolo di terzino sinistro, i due contendenti potrebbero avere bisogno di riposo. Zalewski ha recentemente gestito un affaticamento muscolare all’adduttore della coscia sinistra, mentre Spinazzola è stato convocato in nazionale ma non è stato impiegato da Spalletti nelle ultime partite, preferendo altri giocatori come Dimarco e Biraghi.

 

Inoltre, Zalewski spesso fa fatica nei confronti di avversari fisicamente più robusti, e gli allenatori avversari tendono a sfruttare questo punto debole. In queste circostanze, Mourinho potrebbe sorprendere lanciando El Shaarawy, nonostante anche lui abbia dovuto affrontare problemi fisici. Mourinho ha grande fiducia in El Shaarawy e sa di poter contare su di lui in qualsiasi ruolo, oltre a poter contribuire all’aumento dell’efficacia offensiva della squadra. A riferirlo è la Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa