Resta in contatto

Approfondimenti

Il 2018 della Roma: Il Campionato

Il 2018 è stato un anno decisamente altalenante per la Roma di Eusebio Di Francesco: subito eliminati in Coppa Italia, una grande Europa ma un campionato che ha regalato tante delusioni e una squadra lontanissima dalla vetta della classifica. 

GENNAIO: L’anno della Roma non comincia bene: i giallorossi infatti non vanno oltre i 2 punti nel mese di gennaio, venendo sconfitti da Atalanta e Sampdoria in casa, e pareggiando gli scontri con Inter e Samp (nel recupero della 3’giornata).

FEBBRAIO: Arrivano le vittorie contro Hellas Verona (0-1), Benevento (5-2) e Udinese (0-2); la striscia positiva si interrompe con il Milan, che all’Olimpico si impone con il risultato di 0-2.

MARZO: Il mese si apre all’insegna della fantastica vittoria contro il Napoli al San Paolo (2-4), poi 3 punti anche contro Torino e Crotone; a Bologna arriva la frenata, la Roma non va oltre al 1-1 contro i rossoblu.

APRILE: Inizio mese complicato per la Roma, sconfitta dalla Fiorentina in casa (0-2); nella giornata successiva si gioca il derby di ritorno, che terminerà con il risultato di 0-0. Nella seconda metà del mese arrivano 9 punti, fondamentali per la volata in Champions League, grazie alle vittorie contro Genoa (2-1) SPAL (0-3) e Chievo (4-1).

MAGGIO: Ultimo mese di campionato in cui la Roma consolida definitivamente il terzo posto in classifica, grazie alla vittoria a Cagliari (0-1) e il pareggio con la Juventus in casa (0-0). L’annata della Roma termina a Reggio Emilia, dove i giallorossi si impongono contro il Sassuolo, vincendo 0-1.

La Roma chiude la stagione a 77 punti, arrivando terza e confermando la sua presenza nella prossima Champions League.

AGOSTO: Inizia il campionato e la Roma trova subito i 3 punti grazie alla vittoria di misura (0-1) contro il Torino. Da quel momento in poi le cose cominciano ad andar male: prima arriva il pareggio dell’Atalanta a Roma (3-3), e poi la sconfitta, rimediata all’ultimo minuto, contro il Milan (2-1).

SETTEMBRE: Il mese si apre con due risultati che lasciano completamente spiazzati i tifosi giallorossi: il pareggio per 2-2 rimediato in casa contro il Chievo, e la sonora sconfitta a Bologna (0-2). Nel momento peggiore arriva la facile vittoria con il Frosinone (4-0) e il derby, che riesce invece a risollevare le sorti della Roma: la stracittadina finisce infatti 3-1, facendo tornare il sorriso a tifosi e giocatori.

OTTOBRE: La Roma continua il suo periodo di alti e bassi; se fuori casa riesce infatti a fare risultato, all’Olimpico le cose vanno decisamente peggio. Arrivano 4 punti dalle trasferte (3 da quella di Empoli, in cui la Roma vince per 2-0, e 1 nella difficile trasferta di Napoli), mentre in casa i giallorossi escono sconfitti dalla sfida, sulla carta semplice, con la SPAL (0-2).

NOVEMBRE: La stagione altalenante della Roma continua: dopo il pareggio di Firenze (1-1), la Roma sembra aver ritrovato la retta via, grazie alla netta vittoria casalinga contro la Samp (4-1). L’ultima trasferta del mese invece, a Udine, rimette tutti con i piedi per terra: la Roma esce sconfitta dallo Stadio Friuli sconfitta per 0-1.

DICEMBRE: L’ultimo mese del 2018 inizia con 2 pareggi (2-2 contro Inter e Cagliari); la Roma ritrova la vittoria solo a metà mese, imponendosi per 3-2 contro il Genoa. Dopo la sconfitta allo Juventus Stadium per 1-0, i giallorossi ritrovano i 3 punti, prima in casa contro il Sassuolo (3-1), poi nell’ultima trasferta dell’anno a Parma (0-2). La Roma chiude il 2018 con 30 punti, a -2 dalla Lazio, 4′ in classifica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti