Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Nazione-Carlino-Il Giorno, “Da Totti a Zaniolo, il segreto è la mamma”

Da Fiorella a Francesca Costa

Ora si arriva a Francesca Costa, la mamma del giovane Zaniolo. Forse la capostipite della nuova generazione di wags che diventano mamme di calciatori essendo mogli di ex protagonisti del pallone, scrive Paolo Franci su La Nazione – Carlino – Il Giorno. La Costa è un fenomeno social che si esibisce nei tipici atteggiamenti delle wags: sfoggio di capi alla moda, foto con le labbra in stile “duck face”. Si contrappone a storiche e invisibili mamme del pallone, tutte anonimato, pastasciutta, tanto sale in zucca e sacrifici. In questo senso l’icona indiscutibile della categoria è Fiorella Totti. È lei a decidere che il Totti ragazzino prodigio non andrà né al Milan né alla Lazio, ma alla Roma. È sempre lei a portare il bimbetto biondo che poi diverrà il Pupone da Papa Wojtyla e in prima fila fino a ottenere una carezza. È lei a sciropparsi decine di chilometri al giorno con la piccola Fiat 126 per portarlo agli allenamenti. È sempre lei ad aprire la porta ad Antonio Cassano e quasi ad adottarlo come un figlio, ospitandolo per mesi quando l’ex Bari si trasferisce a Roma.
E poi, che sia mamma o nonna cambia poco. E si arriva al “Bello de nonna” Alessandro Florenzi, che segna all’Olimpico e scala le tribune per andarsi a sbaciucchiare la nonnina. Perché mamma e nonna, com’è giusto che sia, sono certezze ben piantate come pali e traverse.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa