Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

L’Avversario, dalla salvezza a big d’Italia: l’Atalanta di Gasperini. Numeri e Statistiche

Numeri, statistiche e condizione dell’Atalanta

Un salto tra le grandi

A tutti gli amanti dello sport piacciono le favole. Forse questo è il caso dell’Atalanta di Gasperini. Una favola vivente da ormai tre anni e una squadra che dall’evitare la retrocessione sembra ormai essere in grado di competere puntualmente per un posto in Europa. Capacità sviluppata non a suon di milioni, bensì attraverso un piano tattico ed economico ben preciso. Identità tattica e sviluppo del settore giovanile. Un piano che agli occhi di molti fino a poco tempo fa sembrava utopia, oggi è il modello più ricercato dai club di tutto il mondo. Un modello di cui la Dea si fa portavoce, ottenendo ottimi risultati e grandi apprezzamenti da una platea italiana piuttosto severa ed esigente.

Risultati e percorso stagionale

Dopo aver eliminato Sarajevo e H.Haifa dai turni preliminari di Europa League, non è riuscita l’impresa contro il Copenaghen per accedere alle fasi finali della competizione. La stagione però è iniziata subito con grandi prestazioni contro Frosinone e Roma (all’andata all’Olimpico finì 3-3). Poi le difficoltà, forse fisiche o di adattamento per i nuovi arrivi, la sconfitta casalinga con il Cagliari e poi quella contro la SPAL. Il digiuno da tre punti che dura fino al 21 Ottobre 2018, giorno in cui i nerazzurri asfaltano per 1-5 il Chievo Verona. Da quel momento una lunga scalata in classifica condita da risultati di prestigio e rispetto: si veda la vittoria per 4-1 ai danni dell’Inter, l’1-0 contro la Lazio e il pari casalingo contro la Juventus (che meritava essere qualcosa di più). Qualche incidente di percorso a cui però si affianca anche un ottimo percorso di Coppa Italia che ora vedrà gli uomini di Gasperini affrontare la Juventus nei Quarti di Finale subito dopo la sfida contro la Roma di questa domenica.

Numeri e statistiche della banda Gasperini

Fonte dati: WhoScored

Negli ultimi 6 incontri di Serie A, l’Atalanta ha raccolto 4 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta. Al dettaglio, considerando tutta la stagione i numeri della Dea sono dati importanti per capire che non si tratta di una squadra che compete per un posto in Europa in modo casuale, anzi. In 27 partite ufficiali, sin qui disputate, gli uomini di Gasperini hanno realizzato ben 62 reti, conquistando una media di 17 tiri a partita. Si stima anche un possesso palla medio del 55.7%, che ben si affianca all’83.6% della precisione dei passaggi. E’ anche una delle squadre con la media di duelli aerei più alta: il 17.2%. Dal punto di vista della disciplina invece c’è qualcosa da rivedere, anche se i 43 cartellini gialli e le 3 espulsioni sin qui raccolte possono essere interpretate come un’intensità e un’aggressività agonistica di altissimo livello. Un ultimo dato sulla situazione viva dell’Atalanta è sempre riferito alle ultime 6 partite disputate sin qui: 17 gol fatti e 7 subiti, in cui emerge uno straripante Duvan Zapata autore di 13 gol nelle ultime 7 gare disputate.

Fonte dati: WhoScored

Probabile formazione anti-Roma

L’Atalanta che affronterà la Roma si schiererà con il consueto 3-4-2-1 di “gasperiana” memoria. In porta ci sarà Berisha, nella difesa a tre sicuri di una maglia da titolare Toloi e Gianluca Mancini, vero e proprio uomo mercato in ottica Roma. La terza maglia da titolare per la retroguardia sarà affidata al vincente del ballottaggio tra Palomino e Djimsiti, con l’argentino in vantaggio. Sull’out di sinistra certa la titolarità di Hateboer, sull’altra fascia invece ballottaggio tra Castagne e Gosens. Al centro del campo ci sarà De Roon affiancato da Pasalic. In attacco a supporto del titolarissimo Duvan Zapata ci saranno Ilicic e Gomez. Indisponibile Freuler per un’elongazione muscolare.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti