Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Barrios, Burdisso: “Abbiamo l’obbligo di liberare un posto”

Burdisso: “Basta un prestito”

L’affare Barrios continua ad essere animato da colpi di scena continui. Ancora non si sa se la Roma riuscirà o meno a portarlo nella capitale, ma il Boca in ogni caso dovrà liberare dei posti per i nuovi giocatori stranieri. Nicolas Burdisso, direttore sportivo del club argentino, intervistato da TNT Sports dopo la gara di ieri contro il Newell’sOld Boys, si è espresso in merito alla situazione: “Il problema del limite di stranieri è una situazione che abbiamo ereditato. C’era un trasferimento quasi fatto per un calciatore che ci avrebbe liberato un posto, ma la cessione di Nandez è saltata. La decisione che prendiamo non riguarda la gerarchia o il lato sportivo, ma solamente questa regola. Vorremmo che i sette giocatori facessero ancora parte del Boca e, in base a ciò, prenderemo le decisioni. Non è necessario vendere, può esserci anche un prestito. Abbiamo l’obbligo di liberare un posto e dobbiamo farlo nel miglior modo possibile. Definiremo tutto insieme all’allenatore”.

La redazione di siamolaroma.it ha intervistato in esclusiva il ds del Boca Matellan e il vicepresidente degli xeneizes Ferrari. Le loro dichiarazioni confermano una trattativa per il giocatore colombiano: Matellan sottolinea come non ci sia ancora l’accordo; mentre Ferrari indica Burdisso e Angelici come i principali interlocutori della trattativa.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato