Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Trigoria, la Roma rientra da Firenze. Insulti e lancio di oggetti, circa 30 i tifosi presenti (VIDEO)

Insulti e lancio d’oggetti per i pullman arrivati al Fulvio Berardini

Il Pullman dello Staff giallorosso preso di mira

Intorno a mezzanotte e venti minuti il pullman dello staff ha fatto rientro presso il Centro Sportivo Fulvio Bernardini di Trigoria. Presente la Polizia in tenuta anti sommossa che ha chiuso il varco d’accesso per il centro sportivo.
Alcuni tifosi presenti hanno preso di mira il pullman su cui viaggiavano i membri dello staff con lancio di oggetti e insulti.
Poco più di 30 i tifosi presenti all’esterno della struttura che hanno espresso tutto il loro disappunto per la disfatta di Firenze.
La squadra di Di Francesco riprenderà gli allenamenti a Trigoria domani alle 11, in vista del prossimo impegno di campionato contro il Milan, in programma domenica alle 20.30 all’Olimpico.
La polizia è dovuta intervenire per allontanare i tifosi presenti fuori da Trigoria che hanno provato a bloccare le auto di alcuni membri dello staff che stavano abbandonando il centro sportivo per ritornare nelle loro abitazioni.

Anche il Pullman della squadra preso di mira: insulti e lancio d’oggetti

Dopo circa venti minuti (alle 00.40) dall’arrivo del pullman dello staff, arriva anche la squadra: ancora una volta insulti dei circa 30 tifosi presenti (“bastardi, m***e”) e lancio di oggetti verso il pullman, che è entrato all’interno del centro sportivo senza nessun problema. Non è stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine, situazione tranquilla. I calciatori della Roma hanno poi lasciato il Centro Sportivo di Trigoria a bordo delle rispettive auto e i tifosi hanno cercato di avvicinarsi alle macchine per insultarli. “M***e, infami, pezzi di m***a!” sono gli insulti ai giocatori da parte dei circa 30 romanisti presenti. Le forze dell’ordine prontamente hanno impedito il contatto tra tifosi e auto.

19 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

19 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News