Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Roma, quando Di Francesco definiva “inevitabile” l’intervento sul mercato (VIDEO)

Il mercato si è concluso senza colpi per la Roma, nonostante la richiesta palese del tecnico abruzzese

Per forza di cose, è inevitabile che questa squadra debba fare qualcosa, viste anche le condizioni un po’ generali o dei dubbi fisici che ci possono essere attorno a tanti altri giocatori. Per quello, non possiamo non muoverci“. Queste, testuali, sono le parole che Eusebio Di Francesco pronunciò il 21 dicembre 2018, nella conferenza stampa che precedeva l’importante partita contro la Juventus, persa poi dai giallorossi. Un intervento sul mercato definito inevitabile, a causa dei tanti problemi fisici dei calciatori (Pastore, Perotti e De Rossi i più fermi) e delle palesi lacune che la squadra ha mostrato durante tutto l’arco della prima parte di stagione, con alcuni neo acquisti (in particolare Coric, Marcano e Pastore, con quest’ultimo che compare anche in questa lista) che non hanno reso come il tecnico e il ds Monchi speravano.

Quaranta giorni dopo, il 31 gennaio 2019, si è chiusa la sessione invernale di calciomercato ed il risultato è stato uno zero nella casella degli acquisti. Nonostante l’interesse per Barrios, centrocampista paraguaiano del Boca Juniors, e la trattativa per Domagoj Vida, difensore centrale croato in forza al Besiktas, il direttore sportivo giallorosso non è riuscito a regalare rinforzi a Di Francesco. Un mercato, in realtà, chiuso prima della fine formale della finestra: dopo il clamoroso 7-1 subito in casa della Fiorentina, Monchi aveva incredibilmente glissato sugli acquisti: “Non faremo operazioni“.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti