Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Dzeko: “Bisogna sempre mettercela tutta. Nessuno ti regala niente. La strada da percorrere è quella della tolleranza e del rispetto” (VIDEO)

Le parole del Bosniaco

“E’ il primo calciatore ad aver segnato più di 50 reti in almeno tre dei maggiori campionati europei. Capitano della nazionale della Bosnia ed Erzegovina, centravanti dell’AS Roma e ambasciatore UNICEF”. Si parla ovviamente di Edin Dzeko, e questa è la descrizione scritta dall’European External Action Service per la campagna “Europei che fanno la differenza”. Le parole dell’attaccante giallorosso:

“Bisogna sempre mettercela tutta, non solo nel calcio. Nessuno ti regala niente, nessuno ti mette nulla su un piatto d’argento. Siccome mio padre giocava a calcio, dopo la fine della guerra mi portò agli allenamenti dello Zeljeznicar. Da lì iniziò tutto. Sono rimasto lì fino al mio trasferimento in Repubblica Ceca. E’ un privilegio per me aver giocato in così tanti paesi e aver imparato tutte queste lingue. Dalla Repubblica Ceca alla Germania, poil’Inghilterra e ora l’Italia. Ciò mi rende indubbiamente europeo. Sognavo di poter giocare con la nazionale bosniaca. Quel giorno del 2007, quando affrontammo la Turchia a Kosevo, segnai il mio primo gol al debutto. E’ stato senza dubbio il momento più bello della mia carriera. Tutti i risultati importanti li ho ottenuti grazie al duro lavoro. E’ così che mi conoscono in Bosnia e in Europa. Questo dimostra che ho fatto qualcosa di buono per il mio paese. Sono convinto che la Bosnia ed Erzegovina si stia avvicinando piano piano all’Europa, ed entrarci darebbe tanti benefici ai suoi cittadini. Per gli atleti sarebbe più semplice andare in Europa e giocarsela nelle migliori competizioni al mondo. La strada da percorrere è quella della tolleranza e del rispetto tra le persone. Penso sia la cosa più importante, solo così si può guardare al futuro”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News