Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Cagliari, Luca Pellegrini: “Finché sarò qui darò il massimo. Nainggolan mi ha dato tante indicazioni”

Luca Pellegrini si è presentato ai suoi nuovi tifosi

Non sarà una toccata e fuga. Questo è quello che Luca Pellegrini, arrivato al Cagliari dalla Roma, ha dichiarato oggi alla sua presentazione alla Sardegna Arena. “Sono a disposizione di Maran e dei compagni”, ha detto Pellegrini, “non mi sento di passaggio, finché sarò qui darò il massimo. Voglio ripagare la fiducia che è stata riposta in me, in tutti i modi. I problemi fisici a inizio carriera mi hanno aiutato caratterialmente, devo ancora imparare tanto pure a livello comportamentale per crescere. Contro l’Atalanta ci siamo impegnati molto per portare a casa punti, purtroppo non ci siamo riusciti. Ho percepito la vicinanza dei tifosi e il clima ‘bruciante, onestamente non credevo mi avrebbe fatto così impressione da giocatore del Cagliari. Le mie caratteristiche? Credo di averle fatte intravedere nello spezzone giocato domenica, ma non sta a me parlarne. Tutta la squadra, dagli attaccanti ai difensori, può lavorare per migliorare le cose. Sono onorato di vestire questa maglia. Spero di diventare un terzino che possa essere ricordato positivamente. L’accoglienza è stata ottima, a cominciare da Fabio Pisacane. Prima di arrivare a Cagliari ho parlato con tante persone che conoscono la piazza, ho ricevuto alcuni consigli. Nainggolan mi ha contattato subito appena ha sentito della possibilità di andare al Cagliari. Mi ha dato tante indicazioni. I giocatori a cui mi ispiro? Maldini e Bale i miei idoli, per il resto cerco di rubare qualcosa ai migliori interpreti del ruolo“. Lo riporta calciocasteddu.it.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News