Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma-Porto, Conceiçao: “Al ritorno dovremo giocare con la stessa solidità ed essere più incisivi” (FOTO)

“Siamo a metà strada”

CONCEICAO IN CONFERENZA STAMPA

Il secondo tempo?
Stavamo cercando di segnare, tutte le azioni difensive sia della Roma sia del Porto sono state senza troppe sorprese, soprattuto nella prima parte della partita. Sul finale abbiamo cercato di segnare, ma ci siamo trovati in confusione e ovviamente alla fine abbiamo pagato a caro prezzo questa situazione iniziale. Nella seconda parte del match avevamo la partita sotto controllo e abbiamo trovato il gol di Adrian. E’ tutto ancora aperto.

Ha avuto un problema con Brahimi, come sta?
Abbiamo avuto molti infortuni in questo periodo. Non cerco alibi con le assenze, ma abbiamo delle defezioni e dei giocatori nuovi che ancora devono integrarsi. Non siamo la migliore squadra al mondo, ma sicuramente siamo i più competitivi. Mi è piaciuto come abbiamo difeso, ma dovevamo essere sicuramente più incisivi.

Cosa è successo con Di Francesco?
Niente di speciale. C’era un giocatore per terra, la Roma ha proseguito l’azione mentre noi nell’occasione prima avevamo buttato fuori la palla. Lui si è arrabbiato, io anche ma poi mi sono andato a scusare.

Zaniolo?
Zaniolo è un giocatore di qualità e ha una grande fisicità. Sarà un giocatore di altissimo livello.

Queste le dichiarazioni del tecnico del Porto, Sergio Conceiçao, al termine del match perso 2-1 contro la Roma. A riportarlo è la pagina twitter della società portoghese: “Siamo a metà strada, ora abbiamo altri 90 minuti. Nel ritorno dovremo giocare con la stessa solidità difensiva e dobbiamo essere più incisivi.”

28 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News