Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Valladolid, Verde: “Spero che il club mi riscatti, qui sto bene”

“Voglio vivere qui”

Daniele Verde, attaccante ancora di proprietà della Roma, si appresta a vivere l’emozione di giocare per la prima volta al Camp Nou. Il calciatore napoletano, infatti, domani sera sarà impegnato con il suo Valladolid nella gara della 24° giornata della Liga contro il Barcellona. Questo l’argomento principale della sua intervista al quotidiano spagnolo.Se dovessi segnare contro i blaugrana mi farò un tatuaggio”, ha dichiarato l’ex giallorosso, che poi ha parlato della sua esperienza al Valladolid: “Qui sto bene, come se fossi a casa. Fin da piccolo ho sempre desiderato di vivere in Spagna e perciò spero che a fine stagione il club mi riscattiperché mi piace come mi tratta la gente”. Verde inoltre ha raccontato come è nata la possibilità del suo trasferimento alla Pucela: “Non appena il Valladolid mi ha chiamato in estate non ho avuto dubbi. Avevo ricevuto alcune offerte da squadre francesi e diverse squadre italiane, ma stavo aspettando che arrivasse un’offerta dalla Spagna, perché la Liga è in cui avrei sempre voluto giocare. Dall’Italia vedevo le partite, le squadre e il paese. Voglio vivere qui”. Un passaggio anche sulla passata esperienza alla Roma e sui motivi che lo hanno spinto all’addio: “Perché non ho trovato più spazio? Non lo so, davvero. Nei grandi club arrivano giocatori importanti mentre quelli come me crescono nelle giovanili, funziona così. Non so perché, però molti giocatori del vivaio poi vengono ceduti. Era una situazione che non mi piaceva, voglio crescere e diventare un giocatore importante e per questo me ne sono andato“. Lo riporta AS.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News