Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Femminile, Bavagnoli: “Abbiamo concesso troppo e l’Orobica ne ha approfittato. Le ragazze non si sono perse d’animo”

Il tecnico giallorosso: “Ci siamo adagiate e questo non deve mai succedere. Coppa Italia? Ora ci ritroveremo lunedì e faremo il punto della situazione”

Al termine della gara contro l’Orobica, vinta dalla Roma femminile per 2-3, il tecnico delle giallorosse Betty Bavagnoli ha rilasciato alcune dichiarazioni all’emittente televisiva Roma TV:“È stata una vittoria sofferta, come ci sta capitando nell’ultimo periodo ci stiamo mettendo tanto del nostro. Avevamo iniziato bene la gara, con determinazione e cercando anche di giocare la palla, salendo insieme perché sapevamo che loro avrebbero aspettato, volevamo farle uscire un pochino e riuscire ad affondare. A tratti abbiamo fatto bene, poi dopo il vantaggio è come se avessimo perso la nostra sicurezza oppure forse ci siamo adagiate e questo non deve mai succedere, questa è una buona squadra e non rispecchia l’ultimo posto come dimostrato oggi. L’Orobica ha approfittato di un attimo in cui abbiamo concesso troppo, ci siamo fermate un pochino e non siamo rimaste alte come fatto sempre, ci siamo abbassate troppo, concesso ripartenze. Quando ti abbassi troppo, c’è il rischio di prendere gol e sul 3-2 un attimo di paura c’è però devo dire che poi alla fine, ancora una volta, le ragazze non si sono perse d’animo e hanno cercato la reazione. Coppa Italia? Ora ci ritroveremo lunedì e faremo il punto della situazione. Abbiamo un po’ di defezioni però noi l’abbiamo dichiarato mesi fa, ci teniamo a passare il turno e non sarà una partita facile e poi ritorneremo in campo più forti che mai”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile