Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Di Francesco cambia ancora e ritorna al 4-2-3-1 con De Rossi e Nzonzi”

Contro il Frosinone, ennesimo cambio di formazione per i giallorossi

«A volte sento dire che con il 4-3-3 abbiamo sistemato tutto e poi siamo dovuti tornare al 4-2-3-1 per rimettere a posto questa partita». Le parole di Di Francesco nel post-gara contro il Bologna, potrebbero avere un seguito anche a Frosinone. Questo almeno è quanto emerso dalle prove tattiche di ieri dove il tecnico ha schierato insieme a centrocampo Nzonzi e De Rossi con Pellegrini nella posizione di trequartista nel tridente dietro Dzeko. Un segnale, apparentemente chiaro, di come il tecnico stia pensando di proseguire sul canovaccio del doppio mediano davanti alla difesa. Del resto i 90 minuti contro la squadra di Mihajlovic sono stati troppo brutti per far finta di nulla. Ma le novità non finiscono qui: perché Zaniolo (diffidato), dopo 7 gare consecutive nelle quali è partito dal primo minuto (intramezzate dal quarto d’ora finale contro l’Entella in Coppa Italia, altrimenti sarebbero state 11 di fila) ieri non faceva parte dell’undici presunto titolare provato a Trigoria. Perotti si candida per un posto: l’argentino, tornato a disposizione nel match di lunedì contro il Bologna, dovrà però regalare conferme anche nella seduta di oggi pomeriggio. Si prospetta per l’ennesima volta una Roma diversa: la trentaquattresima in altrettante gare stagionali che potrà avvalersi anche del ritorno nella lista dei convocati di Under. Il turco è ai box da Roma-Torino (19 gennaio).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa