Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Gazzetta dello Sport, “Ecco l’ItalRoma. Giovane e azzurrabile: in regia l’idea è Locatelli”

A tre mesi dalla fine del campionato, si cominciano già a tirare le prime somme e a parlare di futuro

Parlare del futuro della Roma, di questi tempi, è arte quasi divinatoria, se si pensa che la stagione sta approdando allo snodo decisivo e tutto dipenderà dall’arrivo tra le prime quattro in campionato e dal cammino più o meno trionfale in Champions League. Ma se il futuro di Di Francesco e di Monchi è ancora tutto da stabilire in base ai risultati e alle volontà personali (non è un mistero che il d.s. sia concupito dall’Arsenal e lusingato in patria dal Siviglia), alcune linee guida non dovrebbero cambiare. Ovvero: spazio ai giovani e agli italiani. In questo senso, uno dei primi ruoli che a Trigoria vorrebbero coprire è quello del regista. E così il club sta seguendo Manuel Locatelli, 21 anni, che in estate il Milan (dove è cresciuto, esordendo in Serie A a 18 anni) ha ceduto in prestito con obbligo di riscatto al Sassuolo per circa 12 milioni. E di riscatto in maglia neroverde Manuel ne ha trovato molto, giocando 17 partite e segnando due reti. Insomma, sotto l’ala protettiva proprio di De Rossi Locatelli potrebbe diventare un punto di riferimentoper il centrocampo. Ma pur con tutti i distinguo del caso, l’italianizzazione non si dovrebbe fermare qui. Resta sempre d’attualità, infatti, il monitoraggio sul 22enne difensore Gianluca Mancini dell’Atalanta (la richiesta al momento è di 25 milioni) e quello sul 25enne centravanti Andrea Belotti del Torino, anche se questa si tratterebbe di una operazione assai complessa innanzitutto per la clausola di rescissione (cento milioni) e poi per la concomitanza che dovrebbe esserci con la cessione di Edin Dzeko.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa