Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Leggo, “Prove di futuro. Spunta Sarri all’orizzonte. Di Francesco in un mese si gioca tutto”

Baldini si sarebbe già mosso per il tecnico ex Napoli, quasi in rottura con il Chelsea

Ci mancava solo lo spettro Sarri a mettere pressione a Di Francesco prima di una serie di 4 partite decisive per la Roma in Italia e in Europa: Frosinone, Lazio, Porto e Empoli.L’incontro di Londra tra Baldini e l’ex tecnico del Napoli (smentito dal dirigente, ma confermato da più parti) è andato in scena pochi giorni prima del 7-1 rimediato contro la Fiorentina e avrebbe portato già a un’intesa di massima per la prossima stagione. Più di un sondaggio quindi. Quello c’era stato già a fine novembre – sempre a Londra – quando entrambe le panchine cominciavano a traballare. Quella del Chelsea ora è a un passo dal crollo. Sarri è chiamato domenica a vincere la finale di coppa Lega col City, tre giorni dopo c’è il derby col Tottenham in Premier che sa di ultima spiaggia per la Champions. Se il tecnico dovesse fallire i due obiettivi verrebbe esonerato già ai primi di marzo e avrebbe tutto il tempo per progettare insieme a Baldini la Roma di domani. Sì, perché l’eventuale nuovo progetto stavolta passerebbe totalmente in mano al consigliere preferito da Pallotta. Un progetto che non include Di Francesco (già scaricato dal presidente) né Monchi sempre più vicino all’Arsenal. Il ds spagnolo è stato in questi mesi lo scudo più forte dietro al quale si è riparato Eusebio. A fine stagione entrambi dovrebbero salutare, e pure Totti non è più così sicuro di voler restare vista la poca simpatia che nutre nei confronti di Baldini. Quest’ultimo non ha incarichi ufficiali, ma è la voce più potente al tavolo esecutivo. È stato lui a contattare Paulo Sousa a dicembre, è ancora lui a gettare le basi con Sarri. Dalla chiacchierata tra Sarri e Baldini sono emersi anche dettagli tecnici: la Roma non potrà garantirgli lo stipendio da 6 milioni, ma può spingersi fino a 4. Il suo modulo (il 4-3-3) è già nel Dna della squadra. A Sarri piacciono tantissimo El Shaarawy e Under senza dimenticare Zaniolo. “Gli faccio fare il Mertens con 20 centimetri in più”, avrebbe sussurrato.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa