Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma, Cufrè: “Il derby di Roma è diverso dagli altri. De Rossi è un simbolo, Manolas non molla mai”

L’ex difensore argentino: “Di Francesco fa un ottimo lavoro, i risultati sono quelli che vediamo, ma ci sono giocatori importanti che possono fare la differenza”

Nella mattinata odierna Leandro Cufrè, ex difensore della Roma, attuale vice allenatore del Cruz Azul, ha rilasciato alcune dichiarazioni all’emittente Roma Radio:

“Sono in Italia un po’ per lavoro e un po’ per piacere, Roma è la mia seconda città. Trigoria è cambiata un po’, l’ho lasciata nel 2006 dopo il Mondiale. Ogni volta che venivo qua non riuscivo a vedere una partita. Ho rivisto i ragazzi che stavano in cucina, i magazzinieri, Tempestilli, gli addetti stampa… Sono loro la Roma”.

Che idea ti sei fatto sulla Roma?
Si deve trovare equilibrio perché i giocatori ci sono. Di Francesco fa un ottimo lavoro, i risultati sono quelli che vediamo, ma ci sono giocatori importanti che possono fare la differenza. Spero si ritrovi equilibrio e che si vinca sabato il derby.

Sul derby.
E’ tosto, stanno vicino in classifica. Chi vincerà farà la differenza per il resto del campionato. Il derby di Roma è diverso rispetto agli altri, è bello viverlo sia fuori che dentro. Ho vissuto tanti derby, qua se ne parla tutta la settimana, si vive un’esperienza unica. I giocatori si alzano e si addormentano pensando al derby e questo non succede da altre parti. E’ intenso.

Quanto è importante vincere partite difficili come quelle in Champions?
Ti alza l’autostima, ci credi ancora di più nel lavoro che fai. Vincere fa sempre bene. Quando sei in due competizioni come Serie A e Champions si deve vincere sempre.

L’ultimo derby che hai giocato è il famoso 2-0 che ha sancito il record di 11 vittorie consecutive…
Bello, c’era Totti fuori con le stampelle. De Rossi aveva 15 anni e già soffriva come un matto. Ci tiene tanto, non molla mai.

Un suggerimento per vivere meglio il derby?
Le vivevo tutte intensamente le partite, perché vivo intensamente tutta la mia vita. Nel derby si dà ancora di più.

Sulla nuova avventura da allenatore.
Ho esperienze fatte da calciatore che sono stati errori e ho visto errori degli allenatori, che adesso non rifarei. Quando si perdeva una partita non uscivo di casa, neanche per portare i bambini ed è un errore. E’ il mio lavoro e io devo vivere la mia vita. In Argentina se si perde una partita è finito il mondo.

Un giocatore della Roma che ti piace?
Manolas mi piace molto, non molla mai e ha carattere. Poi dico De Rossi, perché è il simbolo e Dzeko, che è uno che fa la differenza.

Pronostico?
Ero a Frosinone e abbiamo vinto, speriamo di vincere anche sabato, anche per i ragazzi, per il mister, per tutti coloro che lavorano qui.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News