Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Tempo, L’odio razziale sui muri da Garbatella al centro

Sono apparse scritte deplorevoli in giro per la città

I muri di Garbatella e del Circo Massimo l’altra notte sono stati presi di mira da writer carichi di odio razzista. “Nel forno che vorrei froci, zingari e giudei” accompagnata da una svastica nazista, la scritta inquietante ap-arsa alla Garbatella e segnalata da Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center. “Pensare che nel 2019 ci sia ancora qualcuno che voglia rievocare i forni crematori dei lager nazisti – ha detto Marrazzo – ci fa capire quanto ancora c’è da fare. Il Governo ed il parlamento devono approvare al più presto una Legge contro l’omofobia ed attivare azioni culturali a contrasto. Ringrazio il municipio ottavo ed il consigliere Conia per il rapido intervento di cancellazione”.

«Romanista Anna Frank», è invece la scritta comparsa su un muretto a Circo Massimo. Sulla recinzione è stata impressa anche una svastica e 00100 ssl. La scritta, rimossa dagli agenti del Pics della Polizia locale di Roma Capitale e personale di Ama, ha suscitato l’indignazione anche del vicepresidente della Camera, Mara Carfagna: “Questo schifo immondo non può essere sopportato un’ora di più Lo Stato deve intervenire adesso e impedire che succeda ancora”. “Ancora una volta alcuni delinquenti usano il calcio per lanciare i loro squallidi insulti. II derby di Roma deve essere un momento di grande partecipazione, agonismo, rispetto e anche ironia. ll resto è solo un’ignobile dimostrazione di ignoranza”, ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e il sindaco Virginia Raggi: “La scritta su un muro comparsa vicino il Circo Massimo mi fa orrore. Questo schifo non è tifo, non è calcio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa