Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Dirette

Lazio-Roma 3-0 (12′ Caicedo, 73′ Immobile rig., 89′ Cataldi): debacle giallorossa nel derby

Inzaghi contro Di Francesco per un posto in Champions League

2 Marzo 2019, alle 20.30 presso lo stadio Olimpico di Roma andrà in scena il 150° derby della capitale nella 26a giornata di questa Serie A Tim. Lazio e Roma per i tre punti e per un posto in Champions League, un momento non proprio brillante in casa biancoceleste, gli uomini di Simone Inzaghi non devono assolutamente perdere questa stracittadina per restare attaccati al treno quarto posto guidato attualmente da Inter e Milan.

Ballottaggio tra Nzonzi e Cristante, sembra ormai certa la presenza di Manolas e di De Rossi in mezzo al campo. Sulla trequarti ci sarà Pellegrini con Zaniolo largo a destra. Per la Lazio in ballottaggio Romulo con Marusic, con il primo in vantaggio, da valutare anche la titolarità di Luis Alberto che potrebbe lasciare il posto a Correa.

La partita sarà trasmessa sulla piattaforma streaming DAZN (www.dazn.com).

ULTIMI 5 PRECEDENTI IN SERIE A:

2017-2018 Lazio-Roma 0-0
2016-2017 Lazio-Roma 0-2  64′ Strootman, 77′ Nainggolan
2015-2016 Lazio-Roma 1-4  15′ El Shaarawy (R), 64′ Džeko (R), 75′ Parolo (L), 83′ Florenzi (R), 87′ Perotti (R)
2014-2015 Lazio-Roma 1-2  73′ Iturbe (R), 81′ Djordjević (L), 85′ Yanga-Mbiwa (R)
2013-2014 Lazio-Roma 0-0

VITTORIE CON MAGGIOR SCARTO IN SERIE A:
2006-2007 Lazio-Roma 3-0  44′ Ledesma, 52′ rig. Oddo, 73′ Mutarelli
1960-1961 Lazio-Roma 0-4  21′, 23′ e 37′ Manfredini, 82′ Orlando
2001-2002 Lazio-Roma 1-5  13′, 29′ e 37′ Montella (R), 53′ Stanković (L), 64′ Montella (R), 72′ Totti (R)

PRECEDENTI CON MAZZOLENI

Con il fischietto di Bergamo la Roma ha già vissuto 3 impegni in questa stagione: i due pareggi con Cagliari e Chievo Verona, e lo 0-2 ottenuto a Empoli. In totale, su 26 incontri, i giallorossi hanno vinto 14 volte, con 9 pareggi e 3 sconfitte. Tra i match in parità ci sono anche i 2 derby arbitrati finora da Mazzoleni: lo 0-0 dello scorso aprile, e l’1-1 dell’aprile del 2013, con pareggio su rigore firmato da Totti nella ripresa.

FORMAZIONI UFFICIALI

SS Lazio  (3-5-2): Strakosha; Bastos, Acerbi, Radu; Marusic, Milinkovic, Leiva, Luis Alberto, Lulic; Correa, Caicedo.
A disposizione: Proto, Guerrieri, Patric, Kalaj, Jordao, Durmisi, Cataldi, Badelj, Neto, Luis Alberto, Immobile.
All. Simone Inzaghi

AS Roma(4-3-3): Olsen; Florenzi, Juan Jesus, Fazio, Kolarov; Cristante, De Rossi (C), Pellegrini; Zaniolo, Dzeko, El Shaarawy
A disposizione: Mirante, Fuzato, Karsdorp, Marcano, Santon, Coric, Nzonzi, Pastore, Kluivert, Perotti, Schick.
All. Eusebio Di Francesco

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo
Assistenti: Paganessi, Vuoto
IV uomo: Chiffi
VAR: Calvarese
AVAR: Peretti

CRONACA PRE-PARTITA

19.20 – Secondo quanto riportato da Adnkronos, alcuni tifosi della Lazio hanno lanciato petardi e fumogeni in piazza Mancini e piazzale Maresciallo Giardino, dove continuano a transitare le macchine in vista del derby della Capitale. Al momento non si registrano feriti

19.02 – Il giornalista di Sky Sport Angelo Mangiante, tramite un tweet, ha confermato la formazione ufficiale della Roma

18.30 – Out Manolas. Il difensore greco non prenderà parte alla gara di questa sera a causa di un problema intestinale

12.00 – Giornata di derby nella capitale, tanti i controlli per le strade. Saranno 14 mila i romanisti presenti allo Stadio a sostenere la squadra di Eusebio Di Francesco. Temperatura tra i 10 e i 13 gradi, parzialmente nuvoloso ma non dovrebbero verificarsi precipitazioni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Dirette