Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Corriere dello Sport, Da Fienga a Bruno Conti. Pallotta ridisegna la Roma

Pallotta ha ridisegnato la Roma da zero

Poteva essere una ristrutturazione, sta diventando una demolizione. Prima ancora di portare i bulldozer a Tor di Valle per aprire i cantieri dello stadio, James Pallotta ha deciso di rifare la Roma praticamente da zero. Il tutto avviene a soli 10 mesi dalla storica semifinale di Champions League, che aveva reso orgogliosi i tifosi. Settimana dopo settimana è cambiato tutto. Il primo ad andarsene è stato Umberto Gandini, poi è arrivato il nuovo direttore commerciale Francesco Calvo che ha sostituito Danovaro. La rivoluzione è stata guidata da Fienga, il nuovo Ceo, diventato il principale referente italiano di Pallotta.

Senza oscurare Baldissoni, Fienga ha cercato di mettere ordine in un momento confuso. Partendo dalla posizione di responsabile delle strategie della comunicazione, ha creato un media center di 70 persone, crescendo di importanza nel settore del marketing fino ad entrare nel comitato esecutivo. Nel frattempo, con Baldini che resta presente e impalpabile e Massara è tornato momentaneamente a fare il ds, la Roma si prepara a lanciare figure che precedentemente non avevano un ruolo specifico. E ora si sussurra che in questa nuova organizzazione possa trovare spazio anche Bruno Conti. Lo riporta il Corriere dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa