Resta in contatto

News

Carmagnola, la Roma regala divise ai ragazzi autistici del Salsasio

Il bel gesto della società giallorossa

Bel gesto della Roma. La società giallorossa, come riporta IlCarmagnolese.it, ha donato a giocatori e staff della squadra dei ragazzi autistici del USD Salsasio, le divise di allenamento ufficiali. Un atto simbolico che dimostra la vicinanza della Roma al progetto solidal-sportivo “Angeli di Ninfa“. I ragazzi indosseranno le maglie negli allenamenti.

Entusiasta la presidente di Angeli di Ninfa, Antonella Cavallini: “Una grande gioia per noi e per i ragazzi. E’ bello poter vedere persone, in particolare allenatori e staff di diverse ‘fedi’ sportive indossare la maglia della Roma per un unico scopo, ossia donare un sorriso ai ragazzi autistici che per noi, per il Salsasio e per gli allenatori, sono speciali. L’AS Roma ha dimostrato che anche per loro questo è un progetto speciale.”

Un ringraziamento arriva anche dall’Usd Salsasio: “Ringraziamo Angeli di Ninfa per l’interessamento e la società AS Roma per aver donato le divise di allenamento alla nostra squadra di calciatori autistici. Questo è un ulteriore passo per far conoscere il progetto e per promuovere lo sport come mezzo per l’aggregazione, anche per importanti scopi sociali, innanzitutto per persone con autismo e disabilità”.

Proseguono dalla società sportiva rossonera: “Con questo avvenimento si scrive quindi un’importante pagina della storia sportiva di Salsasio, che quest’anno festeggia i suoi 30 anni dalla fondazione, e degli Angeli di Ninfa. Non tutti i giorni, infatti, una società come l’As Roma dona le divise ufficiali a una piccola squadra di calcio, almeno che essa non sia una squadra speciale, come quella del Salsasio – Angeli di Ninfa“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News