Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Roma, Schick: “Monchi ci difendeva e ci sosteneva sempre”

“Contento delle parole di Ranieri”

Dal ritiro della Repubblica Ceca, torna a parlare Patrik Schick che ha rilasciato una lunga intervista al portale ceco “isport.cz”, commentando l’addio di Di Francesco e Monchi con il contestuale arrivo di Claudio Ranieri sulla panchina della Roma. Queste le sue parole:

Sei deluso per l’eliminazione dalla Champions League?
È un peccato, soprattutto dopo la semifinale dello scorso anno. Volevamo andare avanti e abbiamo trovato il Porto, un avversario giocabile. Dopo la prima gara sembrava che potessimo davvero passare. Sono ancora dispiaciuto. Da quel momento sono cambiate molte cose nel club.

L’arbitro non vi ha dato un rigore.
Già, eppure era visibile dagli schermi. Dopo il rigore dato al Porto, ero convinto che l’arbitro sarebbe andato al Var visto che in quel caso l’ha fatto. Non abbiamo capito perché non abbia nemmeno guardato. Ha ricevuto alcune informazioni e basta. Eravamo molto delusi e non abbiamo compreso perché non abbia nemmeno guardato in un momento così importante nei minuti finali.

Uscire in questo modo è crudele.
L’anno scorso siamo usciti in semifinale contro il Liverpool, al ritorno ci mancava un gol per arrivare ai supplementari e non ci hanno dato due rigori. Quest’anno è successa una cosa simile. Mi dispiace, ma devo anche ammettere che il Porto ha giocato molto bene. Nella gara di ritorno hanno fatto meglio.

Hai detto che tante cose sono cambiate nel club da quando siete stati eliminati dalla Champions. C’è un’atmosfera più piacevole con Ranieri?
Piacevole… non è mai piacevole quando un allenatore se ne va e altre persone perdono il lavoro. Un dottore, l’allenatore, il suo staff, un fisioterapista… queste persone se ne sono andate. E anche Monchi. Ranieri, il nostro tecnico, sta provando a infonderci positività, a ripulire un po’ l’ambiente, e gli sta riuscendo. È un allenatore onesto, anche se lo conosco da pochi giorni. Il suo primo compito è stato quello di sistemare l’ambiente e rimettere insieme i pezzi.

Sei stato contento delle sue parole quando è arrivato?
Ho sentito le sue dichiarazioni in conferenza, poi mi ha parlato prima della gara contro l’Empoli. Ovviamente sono stato contento di quello che mi ha detto, ho segnato un gol e abbiamo vinto.

Senti maggiore fiducia da parte sua?
Vediamo, abbiamo giocato solo due partite con lui. Purtroppo abbiamo perso la gara con la Spal, e questo ci complica le cose. Ora c’è la pausa, non so come andrà. Vedremo quando torneremo.

Vi ha colpito l’addio di Monchi?
Ha colpito tutti, non ci aspettavamo che se ne andasse. Era un direttore sportivo molto onesto, ci sosteneva e ci difendeva sempre. Ci ha sorpreso molto, sono dispiaciuto che ci abbia lasciato. Piaceva a tutti, nessuno aveva alcun problema con lui. Ogni giorno ci seguiva in allenamento, chiunque aveva un problema poteva andare da lui e divertirsi.

Ora nella Roma comincerà una nuova era?
Non la chiamerei del tutto una nuova era. In tutto il mondo gli allenatori lasciano le squadre. Vedremo ora cosa cambierà. Dobbiamo andare avanti fino alla fine della stagione, poi vedremo in che direzione vorrà andare il club.

Nelle ultime settimane stai facendo bene. Porterai questo stato di forma anche in nazionale?
Le partite in Italia sono diverse rispetto a qui. Ora a livello fisico sto bene.

28 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra