Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

GaSport, “La solidarietà a segno: non solo Candreva, da Totti a Chiellini il campo è benefico”

Dall’Unicef, promozioni e sostegno raccolta fondi su svariati temi

I casi passati di solidarietà e beneficenza tra calciatori e calciatrici sono tantissimi. Quelli ignoti forse ancora di più. Diciamo che la promozione di certi programmi di aiuti possono servire per sensibilizzare il mondo su certe sacche di povertà che resistono e che, purtroppo, si fatica a inaridire. L’Unicef, per esempio, ha creato la figura dell’Ambasciatore. Francesco Totti è uno dei testimonial più attivi, così come Leo Messi.

Nell’elenco ci sono celebrità di ogni settore, sportivo e non. Tra i calciatori, anche ex, figura pure David Beckham. Vista l’internazionalità dell’Unicef e la diffusione del calcio nel Mondo, gli Ambasciatori promuovono e sostengono raccolte fondi su svariati temi. Un programma di solidarietà a cui è iscritto tra gli altri Giorgio Chiellini (e come italiano anche la calciatrice della Roma Martina Piemonte, come ricorda il sito ufficiale) si chiama «Common Goal». Lo spirito che lo contraddistingue è semplice: devolvere l’1% del proprio stipendio a un fondo centrale per poter combattere la povertà, la fame, le malattie e garantire miglior educazione, qualità della vita, sostenibilità, lavoro.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa