Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Roma, scelta di Campos”

C’è lo scatto di Campos, come ds o almeno da consulente di mercato

Ancora niente di ufficiale per Campos, ma Pallotta sembra davvero convinto di affidarsi al dirigente del Lille, seguendo come sempre il suggerimento di Baldini. Al tempo stesso, anche per non sminuire il management di Trigoria, prepara la conferma di Massara.

Da 15 giorni, a Boston e nella Capitale, si lavora sull’accoppiata: lo straniero e l’italiano. La soluzione in tandem piace al presidente e deve per forza star bene a chi vuole partecipare alla vita del club. Baldini quindi non arretra. Anzi, la scelta di Campos ne rafforza il ruolo: Pallotta lo considera il principale punto di riferimento per ogni decisione. È lui che ha aperto il contatto con il fondo QSI di al-Khelaifi. Ed è sempre Baldini che incontra Sarri per proporgli la panchina nella prossima stagione.

Ovviamente Francesco Totti uscirebbe ridimensionato o quantomeno resterebbe ancora fuori dalle stanze che contano. Il suo ruolo è da definire e bisogna capire se lo accetterà. Il primo step è il ds, dopo si individuerà l’allenatore, magari aspettando di conoscere il piazzamento finale della Roma.

Petrachi, pur avendo la possibilità di liberarsi dal Torino, è in ribasso: avrebbe capito di non potersi giocare l’amicizia di Conte, orientato su altri club. Campos, affidandosi alla scuderia Mendes, può invece portare in dote Fonseca o Jardim. In teoria pure Mourinho, già proposto in Bundesliga. Infine Giampaolo resta l’alternativa a Gasperini.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa