Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gazzetta dello Sport, Alessandro Cattelan: “Non so dove andrà Conte”

Il conduttore televisivo ha ospitato Antonio Conte nel suo show: il tecnico è stato protagonista di un gioco a carte coperte in cui ha teorizzato il suo prossimo incarico

Il conduttore televisivo Alessandro Cattelan, che ha ospitato Antonio Conte nella puntata andata in onda ieri del suo show E Poi c’è Cattelan, è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport.

Dica la verità, lei lo sa dove andrà Conte?
“Giuro di no. Questa cosa mi diverte molto. Da quando voi della Gazzetta avete lanciato le anticipazioni è un continuo. Non cercavamo lo scoop, poi però se hai Conte che fai… provi un po’ ad indagare”.

Ma Conte sa dove andrà secondo lei?
“No, credo di no. E anche se lo sapesse non lo avrebbe certo detto a noi”.

C’è chi dice che sicuramente non sarà l’Inter perché lei l’ha esclusa.
“Ma è stata una scelta mia, non sua. Ci siamo un po’ divertiti. Pensate che quando abbiamo parlato del ristorante c’è stata gente che è andata a ripescare interviste di tre o quattro anni fa in cui lui parlava dei suoi posti preferiti, chiedendomi: “È quello vero? Abbiamo indovinato?”.

Ma perché secondo lei tutti vorrebbero Conte?
“Perché è bravissimo. E perché dà l’idea di riuscire a rendere forte una squadra anche senza fenomeni. Sa creare un gruppo e raddrizzare anche le situazioni che sembrano più complicate”.

Lei lo vorrebbe per l’Inter, di cui è tifoso?
“E chi non lo vorrebbe? Però l’Inter ha un bravissimo allenatore, che sta facendo i migliori risultati degli ultimi anni e quindi anche se resta Spalletti io sono contento così. Molto contento anzi”.

Quindi Conte all’Inter lo escludiamo?
Ride, ndr. “Davvero non lo so, rido troppo a pensare che un gioco in cui volevamo solo essere simpatici sta facendo ragionare giornalisti e tifosi di mezza Europa”.

Almeno quando aprirà la busta firmata ce lo può dire?
“Il giorno che sarà ufficialmente allenatore di qualche squadra. A giugno, non manca tanto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News