Resta in contatto

News

Roma-Cagliari, Maran: “Approccio negativo, non dobbiamo fare prestazioni del genere”

“I primi 7 minuti non vanno bene”

Rolando Maran si è fermato nella mixed zone dello stadio Olimpico per rispondere alle domande dei giornalisti presenti. Queste le sue parole:

MARAN IN CONFERENZA STAMPA

La squadra è apparsa poco motivata…
Le motivazioni non devono fare la differenza. Non siamo riusciti a essere i soliti, abbiamo fatto una partenza sciagurata. Non avrei mai immaginato una partenza simile, ci siamo allenati a grandi ritmi, con voglia di far bene. Probabilmente può essere vero che dal punto di vista nervoso abbiamo pagato qualcosa, ma dobbiamo circoscrivere questa parentesi e dare forza a tutto quello che abbiamo fatto. Non esiste di avere meno motivazioni. Dobbiamo andare forte, la squadra deve andare forte, punto. La gara è con noi stessi, non abbiamo mai fatto calcoli. Siamo andati sempre con l’acceleratore schiacciato. Ci sta che dopo tanto correre si cali a livello nervoso, dobbiamo far sì che l’inizio di questa partita si circoscriva all’episodio. Non deve essere una consolazione né un alibi, se incontri la Roma è una cosa che va messa nella lente di ingrandimento. Non era ancora iniziata la partita e perdevamo 2-0, non è conoscersi o meno che fa la differenza. Cadono tutti i ragionamenti. Mi fa piacere che ci venga riconosciuto un marchio di fabbrica.

Pastore? 

Mi aspettavo Schick, ma non cambia molto. Sono due giocatori di grandissima qualità, fatico a giudicare gli avversari. Hanno fatto una buona gara, noi non abbiamo fatto altrettanto bene. Il presidente ci ha dato uno stimolo importante, ci mancherebbe che giochiamo per perdere posizioni. Ci teniamo a stupire, però non dobbiamo perdere di vista che questa squadra ha corso tanto per essere qui a cinque partite dalla fine. Che non si voglia lasciare nulla di intentato è volontà di tutti quanti, sicuramente abbiamo sbagliato. Abbiamo qualche domanda perché in questo lungo periodo abbiamo speso molto, e in modo inconscio l’abbiamo pagato. C’è la volontà di riaccelerare, c’è una partita difficile al prossimo turno, siamo ben consci del nostro dna. La voglia di stupire c’è, non è una sconfitta che deve cambiare le cose.

MARAN A SKY SPORT

Essere arrivati con la pancia piena ha giocato un brutto scherzo?
“Sicuramente l’approccio è stato negativo, assolutamente. La settimana di lavoro non mi ci faceva pensare, abbiamo lavorato con intensità, ma la partenza… I primi 7 minuti non vanno bene, ma non avevo presagi di questo. Avevo visto una squadra che aveva voglia di continuare a correre. Dobbiamo fare diversamente, abbiamo fatto un bel percorso fin qua e vogliamo chiudere in bellezza. La partenza non è stata delle nostre, non dobbiamo fare prestazioni del genere, anche se abbiamo di fronte una grande Roma. Dobbiamo circoscriverla ad un episodio e basta”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News