Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

GaSport, “Pallotta tuona: «Sullo stadio i tifosi devono farsi sentire»”

Il presidente giallorosso seccato perché i suoi ispettori non riusciranno a incontrare il Comune

Il tweet è arrivato alle 19:30 italiane, quando a Boston in molti avevano finito da poco di pranzare, essendo da quelle parti le 14:30. Ma chissà se a pranzo c’era andato anche James Pallotta, visto il tweet a dir poco polemico verso l’amministrazione comunale di Virginia Raggi. Come scrive La Gazzetta dello Sport, il tema è lo stadio, con il presidente della Roma che ha di fatto chiamato all’adunata i tifosi giallorossi: “Ho inviato da Boston importanti membri che si occupano dello Stadio della Roma sperando in un progresso. Ma al Comune erano troppo occupati per incontrarli. Forse un grande investimento e tanti nuovi posti di lavoro non sono così importanti. Se i tifosi vogliono lo stadio, devono sollecitare un intervento“. Ma perché Pallotta ha fatto questo passo? I suoi tre uomini sono arrivati a Roma lunedì per approfondire alcune questioni con il Comune (ieri parere negativo della Commissione Sport sulla delibera Grancio-Fassina per l’annullamento della pubblica utilità). Gli ispettori dovevano arrivare una decina di giorni fa, ma le feste e i ponti (25 aprile e primo maggio) hanno posticipato lo sbarco. Cosa che, già di per sé, aveva innervosito il presidente. Che poi è esploso perché i suoi uomini da lunedì non sono ancora riusciti ad incontrare chi di dovere e forse non ci riusciranno neanche fino a giovedì, giorno in cui torneranno negli USA. E la cosa non è piaciuta a Pallotta. E gli ha fatto nascere ulteriori timori sull’iter e sugli eventuali tempi per l’approvazione della variante e della convenzione urbanistica che dovrebbero essere l’ultimo step formale verso lo stadio di Tor di Valle. Ora, quindi, secondo Pallotta tocca ai tifosi pressare le istituzioni. E la gente? Ieri si è divisa sul tweet. C’è chi ha incitato Pallotta ad andare avanti nella sua battaglia e chi, invece, gli ha rinfacciato a brutto muso il momento attuale di squadra.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa