Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Il timore di finire come l’amico Totti”

“Non ho rancore nei confronti di nessuno, parlerò col presidente un giorno”

Da una parte la voglio di continuare a giocare a Roma; dall’altra la decisione di non rinnovargli il contratto. De Rossi contro la Roma, in sintesi. Le parole di Daniele aiutano a capire la questione sul suo mancato rinnovo: “Il non rinnovo del contratto mi è stato comunicato ieri (lunedì, ndr), ma ho trentasei anni e non sono scemo. Ho vissuto nel mondo del calcio: se nessuno ti chiama per un anno o per dieci mesi, nemmeno per ipotizzare il contratto, la direzione è quella. Ci siamo parlati poco quest’anno, un po’ mi è dispiaciuto. Le distanze a volte creano questo e spero che si migliori perché sono un tifoso della Roma“. Chiarissimo il riferimento a Pallotta che non mette piede a Trigoria da oltre un anno. Ancora il Capitano: “Non ho rancore nei confronti di nessuno, parlerò col presidente un giorno… E con Franco Baldini“, proprio Baldini che da lontano detta la linea e suggerisce molte mosse a Pallotta. Una frase che non lascia dubbi: “Fare il dirigente non mi attira particolarmente, anche se qui a Roma avrebbe un senso diverso. La sensazione è che, anche guardando chi mi ha preceduto, ancora si possa incidere poco (e guardava Totti… ndr), si possa mettere poco in un ambiente che conosciamo bene. Faccio fare il lavoro sporco a Francesco e un giorno se cambierò idea lo raggiungerò. E’ vero che mi accoglieranno abraccia aperte, ma mi piacerebbe fare un lavoro che vorrei fare“. Il che vuol dire che non vuole fare la fine dell’ex capitano romanista.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa