Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Ranieri: “De Rossi? Andava detto in un’altra maniera, decidono a Londra e Boston. Che l’ultima sia una festa per Daniele”

Il tecnico in conferenza stampa

Claudio Ranieri, allenatore della Roma, nella sala stampa di Trigoria, ha parlato ai giornalisti presenti in vista di Sassuolo-Roma, valida per la 37esima giornata di Serie A:

Una settimana come questa può avere conseguenze positive e o negative sulla squadra? 
“Io credo che debba essere uno stimolo positivo e propositivo. I giocatori ormai sono abituati a tutto. Potevano essere uno stimolo negativo anche le voci sull’allenatore del futuro. Mi auguro che questo fatto sproni a fare bene, ci sono due partite da completare, c’è ancora una piccola possibilità, ma serve la coscienza a posto di aver fatto il massimo che potevamo fare”

Come stanno i giocatori, in particolare Zaniolo e Pellegrini? 
“Zaniolo riprende oggi, aveva il polpaccio indurito, ed oggi farà differenziato, mentre gli altri differenziato. Pellegrini ha la solita vecchia cosa che gli si acuisce, credo di averlo a disposizione sabato o al massimo per la prossima settimana”

Ieri si è parlato di “testa grigia” e così via. Volevo verificare le sue affermazioni
“Non mi sembra di aver usato questi termini. Quando i nostri tifosi chiedevano spiegazioni della fine del rapporto di Daniele con la Roma ho detto sicuramente a Londra ed a Boston. Chi decide sono loro e la persona che gli sta più vicino che è quella che sta in Inghilterra”

Vuole rassicurare i tifosi per i progetti del futuro di Pallotta?
“Non li so. Io tra due partite finisco il rapporto con la Roma. In ogni società di calcio ci sono ricambi, per cui ci sta. Lo abbiamo visto anche in Italia di squadre che hanno perso punti di riferimento. Forse a Daniele andava detto in un’altra maniera e dargli il modo di pensarla bene, ma non è stato dato. E’ la legge del calcio: la società vuole cambiare e scegliere i giocatori, così come i giocatori scelgono società, queste scelgono allenatori, direttori sportivi. Hanno un amore sviscerato per la squadra, una considerazione più attenta avrebbe richiesto più attenzione”

Se le fosse stato offerto il ruolo da dirigente che cosa avrebbe fatto con De Rossi?
“Il lo avrei tenuto perché so che capitano è e che uomo è”

Quanto incide Baldini sul lavoro quotidiano?
“La figura di Baldini non incide sul mio lavoro quotidiano. Non lo so che rapporti abbia con il presidente, qui non incide. In generale non lo so, non conoscendo quello che fa”

De Rossi nello spogliatoio fino a dove arriva?
Si parla sempre di leader. Ci sono vari leader: per la società, per i giornalisti, per i tifosi o per i social. Ci sono anche i leader per l’allenatore. Lui è l’allenatore in campo, gli puoi parlare e ragiona con la mentalità fine alla squadra. Questi sono i leader che vogliono gli allenatori.

Si aspettava di trovare una situazione così diversa?
Quando ho accettato sapevo di trovare una squadra giù dal punto di vista mentale, non fisico, e le mie forze sono state principalmente per questo.

Quanto possono aver inciso le chiacchiere nella partita di Genova?
Non si possono verificare queste cose. Avevo chiesto aiuto ai tifosi che ci sono stati dietro e ci hanno aiutato a vincere partite difficilissime.

De Rossi ha parlato anche di Totti, dicendo che spera che abbia più potere in società. I tifosi dicono di lasciare la Roma. Che dice a Totti?
Sono decisioni che deve prendere Francesco, non so quanto potere abbia. Mi ha chiamato lui, quindi per me in quel momento era uno che conta e che decide. Non so quanto sia felice e soddisfatto. Sono domande da rivolgere a lui e non a me.

Sono 11 anni che non si vince un trofeo alla Roma. Puoi dare un consiglio dall’alto della tua esperienza su come si può vincere?
Non conosco i programmi della società e mi è difficile rispondere alla domanda. Io credo che un fatto importante sia la costruzione dello stadio. Farlo per poi programmare una Roma grande. E’ una mia considerazione che tiro fuori leggendo quello che scrivete voi. Io sto pensando solamente alla squadra, cercando di tirare fuori il massimo dai giocatori. Mi sono messo l’elmetto per aiutare la squadra e tirare fuori il meglio.

Cosa direbbe ai tifosi della Roma?
Il tifoso si sente partecipe in tutto e per tutto, è una piazza particolare. L’Olimpico pieno ti soffia dietro e ti permette cose che in altri stadi sono impossibili. Il tifoso dice spesso che il Presidente è distante e così via, ma io ho trovato poche volte il presidente vicino alla squadra. Al Leicester il vecchio presidente l’ho visto più volte adesso che prima. Abramovic credo di averlo visto io più di tutti, Sarri forse non l’ha mai visto. Tu lavori sul campo ed il resto non interessa, l’importante è che quando hai bisogno di qualcosa ci sia qualcuno, questo è importante, il resto non conta. Non è importante la presenza, ma che tutto vada come deve andare.

Come ha visto De Rossi in questi giorni?
“Sembra strano ma ancora non ci siamo parlati. L’ho visto bello e motivato come sempre. Dentro di sé sarà sconvolto, immagino che non ci dormirà la notte. Chi ha dato tutto ed ha giocato anche non al 100% lo ha fatto per l’attaccamento alla maglia ed ai tifosi. E’ normale, ma ancora devo parlarci”

Che Roma sarà contro il Sassuolo?
“Il Sassuolo è una squadra ben organizzata, ho visto la partita d’andata. Mi sto facendo un’idea, ma vediamo i prossimi due allenamenti e vedremo se continuare con il 4-3-3 o tornare a come eravamo prima”

De Rossi giocherà contro il Sassuolo?
“Parlerò con lui e vedremo”

Che cosa consiglierebbe a De Rossi per la prossima avventura?
Vuole continuare a giocare, lo ha sempre detto ed è giusto che sia così. Ha già la mentalità da allenatore, il padre lo è. E’ un leader positivo, pensa al bene di tutti”

Alla fine, Ranieri fa un appello: “Mi auguro che l’ultima partita all’Olimpico sia una festa, ci sarà tempo per le contestazioni. L’ultima partita sarà una dimostrazione d’amore per Daniele che è la cosa più importante“.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa