Resta in contatto

News

Sassuolo-Roma, De Zerbi: “De Rossi? Mi dispiace per lui. Le bandiere vanno rispettate”

Le parole del tecnico dei neroverdi

Roberto De Zerbi, allenatore del Sassuolo, ha parlato a Dazn dopo il pareggio casalingo con la Roma:

Due tempi in senso opposto, la crescita della Roma nella ripresa vi ha spiazzati?
Anche nel secondo abbiamo fatto bene, poi negli ultimi 10-15 minuti un po’ per la loro fisicità e un po’ per gli obiettivi diversi si potevano permettere qualcosa in più. Ho più rammarico perché 2-3 palloni finiti male potevano portarci davanti alla porta, tutte potenziali occasioni da gol.

Abbiamo parlato tanto del suo gioco, ma guardando al futuro dove deve crescere il suo Sassuolo?
Nella determinazione, nella cattiveria, nella lucidità negli ultimi 25 metri. Abbiamo fatto tanti gol ma per il nostro potenziale sono troppo pochi. C’è rammarico, per quello che ha detto il campo: questa partita si doveva vincere. E’ importante non averlo preso, è il 14esimo clean sheet, non poco per una squadra di centro-classifica. Ma qualcosa di più si doveva fare.

Nella sua filosofia c’è sempre la ricerca della superiorità numerica, per comandare la partita.
Dipende dalla pressione degli avversari, anzi, è determinante per la partita che si sviluppa. La Roma non fa una pressione forsennata, avevamo già il 2 contro 1, da lì si verificavano tutte situazioni di superiorità. Si poteva velocizzare di più e cambiare fronte del gioco, ma l’abbiamo anche fatto bene.

L’abbraccio con De Rossi?
Mi ha fatto i complimenti, ha detto che alcuni miei giocatori si sono divertiti. E’ il complimento più bello che mi potessero fare. Gli ho detto che mi dispiace per lui, anche io ho un De Rossi in squadra, che è Magnanelli: conosco il valore di un giocatore come lui, deciderà lui quando andar via. Alcuni giocatori sono diversi da altri e le bandiere vanno rispettate, lasciando a loro la decisione su quando smettere.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News