Resta in contatto

Rassegna Stampa

Tuttosport, “Petrachi ancora non ha rassegnato le dimissioni e la Roma lo ha cercato con insistenza”

A dirlo è lo stesso ds del Torino

Con un’intervista ieri a Sky, Petrachi ha negato qualsiasi incontro con la Roma. Il quotidiano Tuttosport ha però riportato le parole integrali del direttore sportivo, tagliate dal servizio televisivo. Questo quello che ha detto:

No, non ho ancora presentato le mie dimissioni a Cairo. Ma ho già avuto un incontro tempo fa e gli ho esposto le mie riflessioni. Effettivamente le mie dimissioni sono una possibilità che si potranno evidenziare subito dopo la fine del campionato. A Cairo ho già spiegato che molto probabilmente andrò verso questo tipo di scelta. E’ giusto guardarsi dentro e cercare nuove voglie per ripartire. Certamente la Roma mi ha cercato, così come altre squadre. E la Roma mi ha cercato in modo molto insistente.

Quando finirà la stagione deciderò. Finora ho sempre gravitato su Torino. Ho visto tutti gli allenamenti della squadra, ne ho saltato qualcuno solo per ragioni logistiche. E’ falso che io possa già avere iniziato a lavorare per la Roma. Dopo la gara con la Lazio prenderò la decisione e tutto sarà più chiaro con il presidente. Dopo 10 anni di grande lavoro assieme, con stima reciproca, credo che sia legittimo che io possa pensare a nuove sfide. Il nostro lavoro è fatto di adrenalina. E quindi è giusto che io possa avere aspirazioni di questo tipo: nuove sfide, nuovi stimoli. E mi auguro che queste mie scelte vengano condivise e accettate. Mi auguro che prevalga la buona volontà, che si trovi il modo per chiudere bene il rapporto. Mi auguro che le mie legittime aspirazioni vengano soddisfatte”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa