Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Primavera, Cangiano: “Non vedo nessuno più forte di noi”

“Vincere lo scudetto con l’Under 17 è stato bellissimo”

L’attaccante della Roma Primavera, Gianmarco Cangiano, ha parlato ai microfoni di Roma Tv in vista della gara delle final six contro il Chievo Verona. Queste le sue parole:

“Sto studiando, in questo periodo. Appena finiti gli allenamenti, dopo un breve riposo, mi metto sui libri: ho gli esami per superare il quarto anno, a scuola. Queste finali le possiamo vincere: non vedo nessuna squadra più forte di noi, e siamo molto determinati. Sarebbe una gioia veramente grande, ci sono passato la scorsa stagione, con l’Under 17vincere lo scudetto è una bellissima esperienza. E sarei contento di farlo con questa squadra, ci vogliamo bene veramente tutti. Avevo 9 anni: l’osservatore della Roma mi aveva visto giocare e mi chiamò per fare un allenamento, anche se la stagione era già iniziata, e gli altri era già un po’ che lavoravano insieme. L’allenamento andò bene, e mi dissero di venire anche le prossime volte.

E a un certo punto sono venuto a vivere nel convitto: mi hanno accolto benissimo, è il posto ideale per far crescere un giovane calciatore. E i grandi, i vari Tumminello, Bordin, Crisanto, D’Alena, ci hanno insegnato cosa vuol dire essere qui dentro. Giocare alla Roma è una cosa stupenda: il settore giovanile è uno dei più importanti d’Italia, e sono contentissimo di averne fatto parte. Spero di continuare con la Roma, per me vuol dire tanto. Ho fatto due convocazioni con la prima squadra, ma sentivo che non sarei entrato. Ma sarei onorato e felicissimo se dovesse capitare.

È stato proprio mio padre a farmi giocare, quando ero piccolissimo: a 4-5 anni stavo già col pallone tra i piedi, è una passione sua che mi ha trasmesso lui. Giocava esterno alto, come faccio io, l’ho sempre ammirato tantissimo, cercavo di imitarlo. Lui è più forte di me, anche se lui dice il contrario. Ho sempre giocato esterno alto, accentrarmi e calciare per me è una cosa spontanea. Di idoli ne ho tanti, Insigne è uno di questi, e provo a seguirlo. Sinceramente non mi aspettavo di essere subito protagonista in Primavera, ma da quando sono entrato in questa squadra dopo un po’ di tempo mi sono ambientato”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera