Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Repubblica, “Il fuoco amico di Baldini per una Roma senza romani”

“A Baldini sono state imputate tante decapitazioni”

La parole che da otto anni circola a Roma è “Deromanizzazione”, e figurarsi ora che in un mese saltano le due teste coronate più ingombranti, i simboli della romanità nello spogliatoio e nella dirigenza: De Rossi e Totti.

Era l’estate del 2011 quando Baldini tornò a Roma al timone della nuova proprietà e il primo atto fu un’intervista a Repubblica dove definì Totti “Pigro” per le potenzialità inespresse, ma per Francesco fu una coltellata. Nella sua testa chi lo ha fatto smettere di giocare è uno solo: Franco Baldini. Si ricorda una prima riunione operativa con il consulente di Pallotta da una parte della sera e i “romani” della dirigenza dall’altro a evidenziare una distanza non solo filosifica.

Baldini, inoltre, sono state imputate tante decapitazioni: quella di Sabatini, quella di Totti giocatore, quella di Di Francesco e quindi quella di Monchi, fino ad arrivare alla più netta del Totti dirigente. Il peso specifico che Roma riconosce a Baldini nelle scelte del presidente è un macigno che lui rigetta riducendolo a mera leggenda, sentendosi semmai alternativamente il capro espiatorio di chiunque fallisca o incontri il giudizio negativo del vulcanico Pallotta o la scusa di chi abbia bisogno di un alibi. Lo scrive La Repubblica.

8 Commenti

8
Lascia un commento

avatar
8 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

kiro saranno quello che sono e non sta a me dirlo pero i 15.000 che sono corsi ad abbonarsi mi sembra che la pensano come i vostri commenti

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

NO SIETE DELLE 💩💩

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Baldini boia

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

A totti auguro ogni fortuna sia dal punto di vista umano che professionale. Alla societa’quello che rimprovero e’la totale incapacita’ ( o indifferenza) nel mettersi in empatia con la piazza, peccato mortale nell’era della comunicazione e dell’immagine. Bene il bilancio ma non puoi pensare di gestire la roma come fosse la juve dove puoi permetterti di sbattere via del piero perche’hai la bacheca piena di trofei. Roma vive di simboli, tradizioni, umori viscerali il tutto amplificato dal fatto che siamo nel cuore del mediterraneo non a toronto o a seattle. La situazione e’sfuggita di mano. La vedo nerissima

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Baldini Carogna.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ah già, Totti è sempre stato il male della Roma!!! A poracci!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Certo, il problema è risaputo…. E sempre stato Totti io problema

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Guarda se è la vorta bona che se comincia a vince….

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Rassegna Stampa