Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Repubblica, “Il fuoco amico di Baldini per una Roma senza romani”

“A Baldini sono state imputate tante decapitazioni”

La parole che da otto anni circola a Roma è “Deromanizzazione”, e figurarsi ora che in un mese saltano le due teste coronate più ingombranti, i simboli della romanità nello spogliatoio e nella dirigenza: De Rossi e Totti.

Era l’estate del 2011 quando Baldini tornò a Roma al timone della nuova proprietà e il primo atto fu un’intervista a Repubblica dove definì Totti “Pigro” per le potenzialità inespresse, ma per Francesco fu una coltellata. Nella sua testa chi lo ha fatto smettere di giocare è uno solo: Franco Baldini. Si ricorda una prima riunione operativa con il consulente di Pallotta da una parte della sera e i “romani” della dirigenza dall’altro a evidenziare una distanza non solo filosifica.

Baldini, inoltre, sono state imputate tante decapitazioni: quella di Sabatini, quella di Totti giocatore, quella di Di Francesco e quindi quella di Monchi, fino ad arrivare alla più netta del Totti dirigente. Il peso specifico che Roma riconosce a Baldini nelle scelte del presidente è un macigno che lui rigetta riducendolo a mera leggenda, sentendosi semmai alternativamente il capro espiatorio di chiunque fallisca o incontri il giudizio negativo del vulcanico Pallotta o la scusa di chi abbia bisogno di un alibi. Lo scrive La Repubblica.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa