Resta in contatto

Prima Squadra

Italia Under 21, Pellegrini: “Non entro in merito all’addio di Totti, lo ringrazio per quello che ha detto su di me”

“Lui e De Rossi mi mancheranno molto”

Lorenzo Pellegrini, centrocampista della Roma, è intervenuto in conferenza stampa dal ritiro dell’Italia Under 21 ed ha parlato anche della prossima sfida alla Polonia. Queste le sue parole:

La tua presenza in Under 21…
La mia presenza qui, per il mio punto di vista, era scontata. Se il mister mi chiama, io ci sono, contentissimo di essere qui. Ho trovato un gruppo fantastico, veramente. Ci stiamo divertendo, stiamo veramente bene. Spero che questa unione si veda anche in campo, perché fuori siamo un bel gruppo. Dobbiamo ragionare partita dopo partita, cercando di vincere come contro la Spagna. Dobbiamo dare seguito al risultato contro la Spagna. Ieri abbiamo fatto vedere che anche noi possiamo giocare e vincere. E’ stata una partita impegnativa, siamo questi, dobbiamo dare intensità, ma ci siamo anche divertiti, e per divertirci dobbiamo avere il pallone. E’ una rivoluzione che prima o poi doveva succedere. In questi anni abbiamo visto che chi mantiene il possesso, sbaglia meno passaggi, si diverte di più. Chi si diverte rende meglio. Dobbiamo migliorare ancora tanto, ieri la Spagna ci ha fatto vedere che sono fenomeni in questo. Dobbiamo continuare così. Ieri mi abbassavo per toccare di più il pallone, per non dare punti di riferimento. Stiamo tentando di dare importanza al nostro possesso palla. Poi è normale che dobbiamo essere incisivi davanti. Ma tenere il pallone e far correre gli altri è importante.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra