Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Tempo, “Il verbo di Francesco diventa universale”

“I presidenti passano, gli allenatori passano, i giocatori passano ma le bandiere no”

Che Francesco Totti sia una bandiera è innegabile, lo dimostra l’impatto mediatico che ha avuto la conferenza tenuta ieri. Non si parla della conferenza di un normale dirigente ma di un ex calciatore che ha legato indissolubilmente la sua vita e ha scritto pagine indelebili della squadra che tifava fin da bambino. A fare da cornice all’ex numero 10 ci sono la sala d’Onore del CONI e Paolo Condò, l’uomo che gli curò la biografia uscita nelle librerie a settembre.

Ad accoglierlo una folla intrepida tra amici di una vita, ex colleghi, giornalisti, fotografi, e persino l’attore che lo interpreterà nel prossimo documentario a lui dedicato. A rendere universale la parola di Francesco c’è stata la totale copertura mediatica che ha investito la conferenza, in onda ovunque su Sky, Rai, Mediaset e Facebook. Sui social una valanga di commenti ha ricoperto l’evento, solo su Twitter più di 15.000 commenti all’evento. Di sicuro ovunque a Roma non si parlerà d’altro per i prossimi giorni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa