Resta in contatto

Rassegna Stampa

Leggo, “Austerity, vendite e tagli sugli ingaggi per rispettare il fair play finanziario”

Il mercato in entrata della Roma dipenderà da quanto incasserà dalle cessioni

Quella di ieri è stata l’alba del giorno dopo più amara di tutte perché ora arriva il difficile e bisogna affrontare un ridimensionamento tecnico importante e l’ennesima rivoluzione. Fonseca ha accettato la Roma e non sa che tipo di squadra allenerà e non sa se giocherà o meno i preliminari di Europa League. Se il Milan venisse escluso verrebbero rivisti pure i piani riguardanti la preparazione con il ritiro a Pinzolo, organizzato dal 29 giugno al 7 luglio, che verrebbe cancellato con appuntamento a Trigoria il 9 luglio.

La Roma deve vendere e lo deve fare in fretta e lo sa l’Inter che tira la corda per Dzeko, lo sa il Napoli che prova a strappare uno sconto per Manolas. Il rischio è che sul piatto finisca anche Zaniolo sempre più tentato dalla Juventus così come El Shaarawy. Sacre ragioni di bilancio, ma non obblighi dell’Uefa che si è dimostrata clemente con tanti altri club.

Dopo tutto questo arriverà il tempo per gli acquisti, ma Petrachi dovrà rispettare dei parametri rigidi sia per quel che riguarda i cartellini sia per gli stipendi dei nuovi calciatori: si vuole diminuire il monte ingaggi che ora è di poco più di 90 milioni, l’obiettivo è arrivare a 70. Fonseca ha chiesto un portiere, due difensori, un centrocampista e due attaccanti. Solo per uno di questi la Roma potrà spendere più di 20 milioni. Tutto dipenderà anche da quanto la Roma incasserà dalle cessioni.

31 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa