Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

CorSport, “Roma, sul gruppo Whatsapp la rabbia dei giocatori per il ritiro rinviato”

Niente ritiro? Si arrabbiano tutti. Anche i giocatori

Sul gruppo whatsapp riservato alla squadra sono volate parole non proprio gentili dopo che la Roma ha annunciato la rinuncia al trasferimento a Pinzolo. Per carità, a tutti fa piacere una decina di giorni di vacanze in più. Ma diversi elementi della squadra, specialmente i sudamericani che avevano deciso di trascorrere l’inizio dell’estate in patria, sono piuttosto infastiditi dal cambio di programma. Se fossero stati avvertiti in tempo, sarebbero rimasti in Brasile o Argentina. Qualcuno ha fatto anche presente alla società che l’organizzazione, con l’annuncio della convocazione per il 25 giugno e il dietrofront a visite mediche già ultimate (ora la data probabile è il 5 luglio), non è stata proprio ottimale. D’altra parte la Roma non aveva certezze sull’esito dell’inchiesta sul Milan – e non ne avrebbe ancora, secondo quanto si legge nel comunicato di rinuncia – e doveva premunirsi di fronte all’ipotesi di giocare il preliminare del 25 luglio.

Sulla scelta definitiva ha certamente pesato anche il parere dell’allenatore, Fonseca, che non era contento di partire subito per la montagna con una rosa così incompleta. Lunedì, nella riunione che poi è risultata decisiva, i dirigenti si sono convinti, incrociando le perplessità del tecnico con le loro. E così ieri mattina hanno avvisato l’amministrazione di Pinzolo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa