Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Leggo, “Roma made in Italy. È fatta per Mancini, quasi per Veretout”

Si avvicina la definizione di altri colpi di mercato in casa Roma

Il mercato della Roma si è spostato in Toscana e non solo per il probabile acquisto di Veretout dalla Fiorentina.
Ieri pomeriggio a Siena, infatti, Pallotta (in vacanza in Italia) ha incontrato a Firenze Petrachi, Baldini, Fienga e Fonseca che si è messo in viaggio dopo l’allenamento della mattina. Un focus intenso legato a mercato e scelte tecniche per il futuro. Poche ore prima proprio Petrachi stava sistemando difesa e centrocampo con altri due acquisti provenienti da squadre di serie A.
Il ds è a un passo dal chiudere, infatti, l’affare con l’Atalanta per Mancini.

L’accordo, trovato già la scorsa settimana, era stato messo in stand-by e ieri ha vissuto la svolta decisiva tra frenate e accelerate improvvise: 21 milioni più 4 di bonus per il difensore. La Roma è venuta incontro alle richieste di Percassi. Petrachi vuole un prestito con obbligo di riscatto da pagare in 5 annualità.Mancini, che tornerà dalle vacanze a Ibiza intorno al 20 luglio, ha accettato unquinquennale da circa 2 milioni bonus compresi. L’ufficialità dovrebbe arrivare entro venerdì. Per quel giorno la Roma spera di chiudere pure Veretout. Per il centrocampista francese è stata superata l’offerta del Milan. I rossoneri si erano fermati alla proposta di15 milioni più il cartellino di Biglia mentre la Roma ha alzato l’offerta cash. Al giocatore è stato proposto un quinquennale da 3 milioni a stagione più 300 mila euro di bonus in caso di qualificazione in Champions.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa