Resta in contatto

Prima Squadra

Spinazzola: “Roma è una grande piazza. Impressionato da Under” (FOTO/VIDEO)

“Cengiz Under mi ha impressionato, è un grande giocatore. Fonseca ha delle grandi idee”

Dopo le presentazioni di Petrachi e Fonseca, arriva il momento dei calciatori. Il primo neoarrivato a presentarsi sarà Leonardo Spinazzola, terzino ex Juventus. Il numero 37 giallorosso ha incontrato i giornalisti a Trigoria oggi alle ore 15.45. Queste le sue dichiarazioni.

Com’è andata la prima settimana di lavoro? A voi esterni Fonseca ha già dato indicazioni?
“E’ stata una bella settimana, una buona settimana di lavoro. Il mister ci ha chiesto da subito come vuole giocare e cosa vorrebbe. Ci ha dato tutte le indicazioni in ogni ruolo. Piace tantissimo perché è un gioco importante, bello da vedere e bello da partecipare. Adesso iniziamo questa seconda settimana con due amichevoli per testare cosa abbiamo provato”.

Come hai visto la Roma da fuori in questi anni? 
La Roma è stata sempre una grande società ed una grande piazza, dove ci sono sempre stati grandi giocatori. Ci sono sempre state squadre allestite per fare qualcosa di importante. Giocare all’Olimpico è sempre stupendo per lo stadio, per i tifosi, per il calore della gente. E’ sempre stato bello e divertente giocarci.

Sei molto versatile. Hai parlato con Fonseca riguardo la possibilità di giocare anche a destra? 

A sinistra mi trovo meglio, ho più giocate, ma non ne ho parlato. Se c’è la necessità io ci gioco tranquillamente, è una questione di abitudine.

A fine maggio hai detto di voler restare alla Juventus. Hai uno spirito di rivalsa? 
No, è un lavoro per noi. Società e giocatori fanno delle scelte. La Roma mi ha cercato tempo fa e quando mi hanno detto che potevo venire qui a fare il protagonista ho deciso di venire qui, che è una grande piazza. Mi può migliorare molto.

Tre differenze tra la Roma e la Juventus… 
E’ ancora presto per tirare le somme. C’è un grande centro sportivo, grande organizzazione e per ora non ci sono differenze. Ora mi trovo allo stesso livello.

Petrachi: “Gli hanno dato il benvenuto, perché gli hanno già rubato lo zaino che aveva lasciato sopra la macchina (ride, ndr)”.

Se dovessi convincere Higuain a venire qui, che gli diresti? 
Non parlo di giocatori, ma si sta bene. Questo basta.

Quali sono le tue ambizioni qui alla Roma? E’ un punto d’arrivo? 
Le vie del signore sono infinite. La Roma è una grande società ed una grande squadra. Ogni anno è un lavoro, ci sono bilanci e c’è di tutto. Ogni anno non si sa mai. Già quest’anno ho un sogno e spero che si avveri, di andare in alto con questa squadra. Ci sono anche gli Europei che per noi sono importanti.

Qual è il tuo sogno? Il rilancio della Roma passa per i giovani italiani?
Il direttore prima della firma mi ha spiegato il suo progetto, mi ha detto che ci sono delle basi importanti e di avere più ragazzi giovani e italiani, che è molto importante. Anche con il mister, vincere è difficile ovunque. Ci sono squadre attrezzate, è molto difficile, ma partiamo tutti da zero ed il campo ci dirà dove finiremo.

Alla Juventus è tornato Buffon. Dalla Roma sono andati via Totti e De Rossi… 
Conosco Daniele bene, Totti no. Loro sono due grandi persone, prima di leggende. Da esterno non posso esprimere il mio parere, devi vivere lo spogliatoio per capirne le dinamiche. Sono contento di Buffon, perché è una persona eccezionale per il gruppo.

Differenze tra Fonseca ed i tuoi mister? 
Lui lavora molto come Gasperini. Ho ritrovato molte idee, che sono belle. Allegri è un grande gestore e mi sono trovato bene con lui.

C’è un compagno di squadra che ti ha impressionato di più? 
Under. Già lo conoscevo, ma in allenamento mi ha impressionato. E’ un grande giocatore.

Fonseca ha la stoffa per essere un top allenatore europeo? 
Ha delle grandi idee, mi piace l’impronta che vuole dare alla squadra.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra