Resta in contatto

Rassegna Stampa

GaSport, “Niente distrazioni, allenamenti blindati: è la cura Fonseca”

Il tecnico portoghese sta ottenendo la fiducia dei giocatori giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento

Il nuovo allenatore della Roma ha messo al centro il suo rapporto con la squadra e non vuole farsi distrarre da altro. Paulo Fonseca non ci ha messo molto a conquistare Trigoria e sentirsi a proprio agio. I calciatori sono rimasti impressionati e l’ex allenatore dello Shakhtar sta ottenendo la loro fiducia giorno dopo giorno durante i suoi allenamenti rigorosamente blindati. Anche le amichevoli saranno a porte chiuse, il tecnico non si fida di nessuno e non vuole intromissioni, nemmeno da parte dei giornalisti ai quali è stata concessa solamente mezz’ora a porte aperte.

Da Trigoria assicurano che con il tempo Fonseca farà qualche concessione in più ma per il momento sta costruendo il rapporto con la squadra. Sembra riuscirci bene perché ha ottenuto il massimo impegno anche da parte di giocatori come Edin Dzeko che sanno di non rimanere a Trigoria. Il mister ha concesso un giorno e mezzo di riposo per tornare dalle famiglie dopo alcune risposte positive la scorsa settimana. Per lui la partita è “solamente una conseguenza di quello che si fa durante la settimana” e intensità è la parola chiave durante le sedute.

La Roma ha fissato un solo viaggio all’estero, a Lille, per il resto solo partite in città o nei dintorni. Anche questo fa parte della strategia di Fonseca, ridurre al minimo spostamenti, viaggi ed imprevisti. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa