Resta in contatto

Roma Femminile

Femminile, Pipitone lascia la Nazionale: “È arrivato il momento di dare la possibilità a qualcun altra di realizzare questo sogno”(FOTO)

Il portiere giallorosso: “Ho avuto la fortuna di realizzarlo insieme a persone meravigliose. Di più non potevo chiedere”

Rosalia Pipitone, portiere della Roma Femminile e dell’Italia, ha detto ufficialmente addio ai colori azzurri attraverso un lungo e toccante post su Instagram:

“È arrivato il momento di lasciar spazio a chi meriterà questa maglia da me tanto desiderata e tanto amata. È arrivato il momento di dare la possibilità a qualcun altra di realizzare i sogni che.. sicuramente come è stato per me.. ha sin da bambina.  Io ho avuto la fortuna di poter realizzare il sogno più grande.. Ho avuto la fortuna di realizzarlo insieme a persone meravigliose. Di più non potevo chiedere. Che strano come il tempo sia davvero relativo
Una maglia indossata solo due anni ma vissuti talmente tanto intensamente che sembrano molto.. ma molto di più.. Ringrazio tutte le persone che hanno fatto e che fanno parte di questo meraviglioso gruppo.. TUTTI! Ringrazio I mister..lo staff e tutte le persone che lavorano per permetterci di “lavorare” nelle migliori condizioni possibili. Ringrazio Milena per avermi dato la possibilità di realizzare un sogno che ormai sembrava irrealizzabile
Ringrazio me stessa per non aver mai smesso di crederci e non aver mai mollato
Ringrazio le mie amate compagne.. Loro le ringrazio più di tutti e so che mi mancheranno da morire.. Posso dire che la mia fortuna più grande nell essere chiamata in nazionale non è stata indossare la maglia tanto attesa.. Ma nel trovare compagne.. AMICHE.. persone che oltre la rivalità in campo.. faranno sempre parte della mia vita!  Ringrazio la mia Nazionale. SIETE LA SQUADRA CHE OGNI TIFOSA O GIOCATRICE DESIDERA. Vi seguirò sempre. Sarò sempre la vostra prima tifosa. E ci sarò sempre per voi. Grazie per tutto. IN BOCCA AL LUPO PER IL NUOVO PERCORSO CON LE QUALIFICAZIONI EUROPEE.. FORZA AZZURRE E.. FORZA NON SI MOLLA UN C…. ”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

È arrivato il momento di lasciar spazio a chi meriterà questa maglia da me tanto desiderata e tanto amata. È arrivato il momento di dare la possibilità a qualcun altra di realizzare i sogni che.. sicuramente come è stato per me.. ha sin da bambina. Io ho avuto la fortuna di poter realizzare il sogno più grande.. Ho avuto la fortuna di realizzarlo insieme a persone meravigliose. Di più non potevo chiedere ❤️ Che strano come il tempo sia davvero relativo Una maglia indossata solo due anni ma vissuti talmente tanto intensamente che sembrano molto.. ma molto di più.. Ringrazio tutte le persone che hanno fatto e che fanno parte di questo meraviglioso gruppo.. TUTTI! Ringrazio I mister..lo staff e tutte le persone che lavorano per permetterci di “lavorare” nelle migliori condizioni possibili. Ringrazio Milena per avermi dato la possibilità di realizzare un sogno che ormai sembrava irrealizzabile Ringrazio me stessa per non aver mai smesso di crederci e non aver mai mollato Ringrazio le mie amate compagne.. Loro le ringrazio più di tutti e so che mi mancheranno da morire.. Posso dire che la mia fortuna più grande nell essere chiamata in nazionale non è stata indossare la maglia tanto attesa.. Ma nel trovare compagne.. AMICHE.. persone che oltre la rivalità in campo.. faranno sempre parte della mia vita! Ringrazio la mia Nazionale ❤️.. SIETE LA SQUADRA CHE OGNI TIFOSA O GIOCATRICE DESIDERA? Vi seguirò sempre Sarò sempre la vostra prima tifosa E ci sarò sempre per voi Grazie per tutto❤️? IN BOCCA AL LUPO PER IL NUOVO PERCORSO CON LE QUALIFICAZIONI EUROPEE.. FORZA AZZURRE E.. FORZA NON SI MOLLA UN C…. ??

Un post condiviso da Rosalia Pipa Pipitone (@rosaliapipapipitone) in data:

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile